Intimità: il vino rosso accresce il desiderio femminile

Intimità: il vino rosso accresce il desiderio femminile

Secondo una recente scoperta bere uno o due bicchieri di vino rosso al giorno è in grado di accrescere il desiderio femminile

da in Mente, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    vino

    In tema di sesso una scoperta interessante è stata realizzata dai ricercatori dell’Università di Firenze coordinati da Nicola Mondaini dell’Ospedale Santa Maria Annunziata di Firenze. Gli studiosi hanno infatti scoperto che una certa quantità di vino rosso avrebbe degli effetti sulla sessualità femminile.

    Uno o due bicchieri di vino rosso al giorno sembrano avere il potere di stimolare il desiderio femminile e di accrescerlo. In ogni caso gli stessi ricercatori hanno spiegato che i risultati dello studio vanno interpretati con la massima prudenza, per evitare di incorrere in interpretazioni forzate ed eccessive.

    Nella ricerca sono state prese in considerazione 800 donne fra i 28 e i 50 anni di età, che sono state divise in tre gruppi. Il primo di questi comprendeva le donna che bevevano uno o due bicchieri al giorno di vino rosso. Del secondo gruppo facevano parte le donne che ne bevevano meno di un bicchiere al giorno e del terzo le astemie.

    A tutte le donne è stato fatto poi compilare il Female Sexual Function Index, un questionario che ha l’obiettivo di valutare la salute sessuale femminile.

    Si è così avuto modo di constatare che le donne appartenenti al primo gruppo riportavano un punteggio medio superiore a quello conseguito dalle donne che facevano parte degli altri due gruppi.

    Secondo i ricercatori il vino rosso avrebbe il potere di influenzare positivamente la sessualità femminile, perché agisce sul sistema cardiovascolare migliorando la circolazione sanguigna nei punti fondamentali che suscitano il desiderio. Si tratta di una scoperta che certamente farà parlare di sé per le implicazioni che comporta.

    Immagine tratta da: alessandroseri.wordpress.com

    326

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MentePrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI