Intestino irritabile: cosa mangiare, cibi da evitare e rimedi naturali

da , il

    intestino irritabile cosa mangiare cibi da evitare rimedi naturali

    Intestino irritabile: cosa mangiare? Quali sono i cibi da evitare? A quali rimedi naturali possiamo fare ricorso? In questa sindrome l’intestino crasso non funziona in maniera corretta. Il ritmo intestinale subisce un’alterazione e le conseguenze consistono in crampi, in momenti di diarrea alternati a stitichezza e in gonfiori addominali. La sindrome del colon irritabile può essere accompagnata anche da meteorismo e presenza di muco nelle feci. Di solito i sintomi durano per un certo periodo, seguono dei miglioramenti e poi improvvisamente il disturbo ricompare, anche senza un motivo ben preciso. Come regolare la nostra alimentazione?

    Frutta e verdura

    Spesso potrebbe essere opportuno limitare l’assunzione di vegetali molto ricchi di fibre, come, per esempio, l’insalata, i carciofi e le bietole. Andrebbero evitati i vegetali che tendono a determinare infiammazioni nell’intestino, come i cavoli e alcune varietà di rape. Particolare attenzione deve essere prestata ad altri ortaggi, come i peperoni e i cetrioli, difficili da digerire. Consigliati sono le patate, le carote, le zucchine. La frutta andrebbe consumata lontano dai pasti. Meglio evitare l’uva, la frutta essiccata e le prugne, soprattutto in presenza di meteorismo e diarrea.

    Legumi

    In presenza di colon irritabile andrebbero ridotti i legumi come fagioli, lenticchie, piselli e ceci. Questi cibi, infatti, tendono a fermentare, causando produzione di gas. Inoltre sono capaci di dilatare le pareti intestinali e quindi determinano una sensazione dolorosa.

    Cereali

    Nemmeno i cereali integrali sono adatti in presenza di colon irritabile. Lo stesso discorso vale per il pane bianco e i cereali raffinati. Da preferire sicuramente i cereali semi-integrali.

    Latte e derivati

    Chi soffre di intestino irritabile dovrebbe tenere presente che il latte è uno di quegli alimenti a rischio. I latticini freschi e lo yogurt sono ritenuti meno pericolosi. Lo yogurt in particolare può aiutare a riequilibrare la flora intestinale. Non è consigliabile, invece, consumare formaggi grassi e piccanti

    Fibre

    Sull’assunzione delle fibre in caso di colon irritabile si deve prestare attenzione. Una certa quantità deve essere presente nella dieta, perché favoriscono la peristalsi intestinale. Tuttavia non devono essere assunte in maniera eccessiva, per non irritare l’intestino e peggiorare i sintomi del disturbo. Spesso si commette l’errore di assumere molte fibre per agire contro le fasi di stitichezza. Tutto ciò può peggiorare la situazione, creando spasmi intestinali e producendo molti gas.

    Rimedi naturali

    Possono essere utili, contro l’intestino irritabile, alcune erbe, da assumere sotto forma di infusi, per controllare i sintomi della sindrome e per agire contro quegli stati d’ansia e di stress, che non fanno altro che peggiorare il disturbo. Le erbe a cui fare ricorso sono:

    • melissa
    • tiglio
    • passiflora
    • valeriana
    • rodiola rosea
    • finocchio, camomilla, gramigna (per aiutare la digestione, sgonfiare la pancia e ridurre gli spasmi addominali)
    • malva (per ridurre l’infiammazione).