NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Intelligenza: serve pure a godere a letto!

Intelligenza: serve pure a godere a letto!

Tale test non era strutturato in modo tale da far emergere l’ ” Einstein di turno “, quanto invece per fare esaltare l’intelligenza emotiva, la spontaneità, l’empatia, l’autostima etc

da in Intelligenza, News Salute, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    amplesso

    Come dire, se sei intelligente a letto godi di più di altri che lo sono meno ed in effetti tale assioma potrebbe sembrare svilente, una sorta di confine netto tracciato anche in camera da letto laddove tutto dovrebbe avere accesso meno che certe posizioni scientifiche ed in effetti sotto le lenzuola ognuno fa quello che gli pare ma la scienza è in agguato e, senza certamente spiare dal buco della serratura, almeno così si spera… emette le sue sentenze, che piaccia o meno anche nei meandri dell’oscurità, per quelli a cui piace il buio!la donna intelligente gode di più! così è scritto…..

    A questo punto la domanda nascerebbe spontanea, visto che ci si è imbattuti in questo campo poco praticabile, si tratta di capire che ” caspita ” c’entri l’intelligenza con la risposta fisiologica alle sensazioni che siano tattili, olfattive, visive e via dicendo…..

    C’entra eccome, l’hanno scoperto ricercatori inglesi che si sono presi la briga di sperimentare il tutto su ben 2.000 donne gemelle, chiaramente ben felici di sottoporsi al test, a cui è stata fatta la fatidica domanda sulla base di una scala di punteggi da uno a sette da dove si palesava, per ogni “ scalino “, la frequenza dei propri orgasmi; non stupirà il fatto che c’è chi ha risposto di non conoscere neanche il significato della parola orgasmo in quanto sperimentato molto raramente. Ma il singolare test assumeva tutta una valenza suggestiva allorquando alle volontarie veniva proposto un test fatto per valutare il loro quoziente intellettivo.

    Tale test non era strutturato in modo tale da far emergere l’ ” Einstein di turno “, quanto invece per fare esaltare l’intelligenza emotiva, la spontaneità, l’empatia, l’autostima etc. Il risultato è stato che le donne più intelligenti, ovvero che rispondevano al meglio ai parametri di cui sopra, godevano di più, denunciando anche diversi orgasmi durante un rapporto sessuale.

    A parte qualche momento di incertezza da parte di qualcuno che potrebbe sentirsi persino svilito a causa di una scienza che non si vuol fermare neanche dietro la porta della camera da letto; un occhio un tantino più attento coglie invece l’importanza della scoperta che di scientificità è rivestita eccome, basti pensare che è stata pubblicata sull’autorevole Journal of Sexual Medicine. E a questo punto sveliamo l’altro mistero che nasceva da un’altra curiosità interessante; ovvero, le volontarie che si sono sottoposte al particolare test erano, come detto, gemelle e, dunque, naturalmente aduse a detenere molti punti in comune fra di loro, eppure anche in loro ci sono state discrepanze subordinate alla loro intelligenza riferita alle qualità accennate.

    Resta quanto mai interessante a questo punto chiedersi il motivo secondo il quale anche il godimento sessuale è subordinato alle qualità che abbiamo appena visto e ciò non è certo un mistero, se si pensa che solo la donna, ma pensiamo che lo stesso potrebbe valere anche per gli uomini, che riesce a cogliere quel quid in più, magari scatenato da una fantasia estrema da condividere col partner, quella donna che riesce in poco tempo a sintonizzarsi al meglio con le aspettative del proprio partner e al contempo trasferendo le proprie, magari evitando di stigmatizzare qualche atteggiamento di lui e viceversa,ritenuto inopportuno, o qualche voglia repressa dal suo modo di essere eccessivamente riservata, riesce non solo a provare piacere, ma addirittura a prolungarlo il più possibile nel tempo e anche questa potrebbe essere una ricetta utile per la felicità di coppia, chissà!

    626

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN IntelligenzaNews SalutePrimo PianoRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI