Intelligenza: quale e quanta

Per limitarci a dare risposte in fatto di intelligenza, in questa sede basti ricordare che la normalita' di una inelligenza e' data da un risultato pari a 100, sotto al punteggio 85 un individuo e' cosiderato poco dotato, mentre sopra i 100 e' considerato super - intelligente

da , il

    Intelligenza

    Quando si parla di intelligenza, in termini generali, raramente si fa distinzione tra intuito, intelligenza, perspicacia, memoria, facolta’ di intelletto, mentre dal punto di vista strettamente medico e psicologico i tipi di intelligenza, e la stessa definizione dell’intelligenza, sono molto complessi.

    Quando si cerca di dare una definizione all’intelligenza, bisogna prima di tutto cercare di capire che cosa si vuol individuare e collocare sotto il titolo di “intelligenza”: se l’intelligenza si riferisce a quella serie di ragionamenti e di processi che portano l’individuo alla risoluzione dei problemi, se ne discute in termini scientifico -matematici, ragionando semplicemente attraverso dei test.

    I primi Q.I. Test furono sperimentati almeno un secolo fa, ma ancora nessuno e’ stato in grado di definire con esattezza il concetto di intelligenza: si arriva cioe’ a dare un valore descrittivo in bravura a risolvere dei test che chiedono la risoluzione di problemi, ma non si sa esattamente come definire la capacita’ di risolvere questi stessi test.

    Uno dei motivi per cui non e’ possibile, di fatto, dare una univoca definizione alla intelligenza, e’ che esistono tanti tipi di intelligenza, quanti sono i contesti e le situazioni entro cui il ragionamento e’ richiesto; e’ piu’ facile rendersi conto del fatto che l’intelligenza non e’ una sola specialmente laddove alcune parti del cervello, perche’ ad esempio sono malate o lesionate, non danno feed back in alcune situazioni, mentre altre parti continuano a lavorare perfettamente.

    In genere sono state individuate nove diverse categorie che descrivono l’intelligenza, dalle quali dipendono poi le scelte in ambito professionale di chi le possiede:
    • Intelligenza Linguistica
    • Intelligenza Logico -Matematica
    • Intelligenza Musicale
    • Intelligenza Spaziale
    • Intelligenza Del Moto
    • Intelligenza Interpersonale
    • Intelligenza Intrapersonale
    • Intelligenza Naturalistica
    • Intelligenza Esistenziale

    Secondo questa categorizzazione tutti gli uomini sono in possesso di pari requisiti per sviluppare tutti i tipi di intelligenza, ma generalmente il mix di sviluppo delle capacita’ si limita a concentrarsi su alcune, tralasciando lo sviluppo di altre, cosicche’ ogni persona si trova, alla fine, ad avere una sua personale “dose” di intelligenza, per tipo, e ad essere cosi’ unica e inimitabile. Per capire esattamente in che categoria ciascuno rientra, ed eventualmente per fare delle scelte personali, professionali, del tempo libero, adatte alla propria personalita’, esistono dei test, che si chiamano test dell’intelligenza, che servono a individuare le potenzialita’ e le caratteristiche dell’intelligenza di ciascuno.

    Con questi test, senza voler sfondare al “Mensa” - si misurano la EM – che sarebbe l’eta’ mentale, diversa in ciascuno, e il QI – che sarebbe il quoziente intellettivo, che anch’esso e’ diverso in ciascuno. Per limitarci a dare risposte in fatto di intelligenza, in questa sede basti ricordare che la normalita’ di una inelligenza e’ data da un risultato pari a 100, sotto al punteggio 85 un individuo e’ cosiderato poco dotato, mentre sopra i 100 e’ considerato super – intelligente.

    Va detto, pero’, che il test da somministrare, per avere un risultato veritiero, e’ quello adatto alla cultura di appartenenza del soggetto che lo sta eseguendo e va somministrato in un momento di calma e di serentia’, in cui il soggetto e’ be predisposto a rispondere a quiz e domande: somministrare il test in un momento non adatto puo’ comportare una oscillazione anche di 16 punti, che nei casi di confine puo’ causare una definizione errata della categoria entro cui il soggetto rientra, ad esempio un individuo con 105 punti reali potrebbe maturarne meno di 100, come un invividuo con 95 punti reali potrebbe maturarne meno di 85. l test, per avere valore effettivo, deve essere somministrato, in forma differente, almeno fino a tre volte.