Insonnia: un fenomeno estivo

Insonnia: un fenomeno estivo

L'insonnia colpisce specialmente in estate: sono tanti i fattori alla base di questo disturbo, il caldo, le zanzare, l'eccitazione del viaggio, ma specialmente l'effetto che la luce diurna prolungata ha sull'ipotalamo, nella produzione di melatonina

da in Benessere, Insonnia, Primo Piano, Salute Donna, Sonno, zanzare
Ultimo aggiornamento:

    Insonnia

    Insonnia: caldo, luminosità, giornate che durano di più, sono tanti i motivi per cui in estate la tendenza è quella di dormire meno rispetto che non in inverno, anche se in realtà il desiderio delle vacanze porterebbe a pensare che si ha la volontà e la necessità di dormire di più e più a lungo per riprendersi dalla fatica.

    Accade invece il contrario, poiché nel momento in cui ci si reca in vacanza per cercare riposo e ristoro, da una parte l’eccitazione dovuta ai fattori climatici estivi, dall’altra il cambiamento delle abitudini e del bioritmo, infine le ore di luce che allungano e alterano il ritmo-veglia sonno, causano disequilibrio nelle abitudini, con la conseguenza che si finisce per dormire decisamente di meno.

    La giornata estiva molto influisce sul nostro cervello: si tratta di una zona in particolare che viene stimolata, l’ipotalamo, collocato poco lontano dalla ghiandola pineale, che alterando la produzione di melatonina in calo, durante il periodo estivo, rende più difficile l’addormentamento.

    Ecco allora perché viene alterato il ritmo veglia-sonno ed ecco perché si finisce con il dormire meno durante il periodo estivo. Proprio durante le vacanze allora capita di non riuscire a dormire e di avere enormi difficoltà con il ritmo biologico.

    Insieme a questo motivo del tutto legato a un fattore ghiandolare, sta anche un fattore legato ai cambiamenti di abitudini e di ambienti, che possono causare eccitazione e agitazione, per alcune persone il solo cambio del posto in cui si dorme determia qualche giorno di difficoltà.

    Infine il caldo, che con la sua permanenza nelle stanze non permette di prendere sonno, ma crea disturbo e sonno agitato o malcontento: il caldo però non è il solo, anche il sole diurno può causare molta stanchezza, che la notte si trasforma in incapacità di dormire, infine i fattori correlati, come l’umidità e la presenza delle zanzare, che possono creare ulteriore disturbo.

    Alcune informazioni sono state tratte dal portale di Iris Salute
    Le immagini sono tratte da Repubblica.it In

    413

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereInsonniaPrimo PianoSalute DonnaSonnozanzare
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI