Insonnia, nemica del cuore, aumenta rischio cardiovascolare

Insonnia, nemica del cuore, aumenta rischio cardiovascolare

L’insonnia può avere un impatto sulla qualità di vita e sulla salute della persona colpita più importante del previsto: aumenta il rischio cardiovascolare, di ipertensione e infarto

da in Cuore, Insonnia, Malattie, Malattie cardiovascolari, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    L'insonnia mette in pericolo il cuore

    Non dormi bene, o, meglio, ogni notte è una lotta con il sonno che non arriva? Il disturbo in questione ha un nome preciso, insonnia. Un problema davvero fastidioso, con riflessi negativi sulla qualità di vita, ma non solo: l’insonnia può mettere in pericolo anche la salute del cuore, aumentando il rischio di patologie cardiovascolari.

    Non solo notti intere con gli occhi sbarrati, alla ricerca del sonno perfetto, che non arriva, una persona che soffre di insonnia cronica corre un rischio maggiore di problemi cardiaci e cardiovascolari, come l’ipertensione arteriosa. Non hanno dubbi in merito gli esperti dell’Aims, l’Associazione italiana medicina del sonno.

    “L’insonnia, intesa come percezione di un sonno insufficiente o poco ristoratore, è oggi il disturbo del sonno più frequente nella popolazione.

    Di particolare interesse è il legame tra disturbi del sonno e malattie cardiovascolari, considerato che l’insonnia può essere importante nella genesi di infarti del miocardio e ictus sia attraverso la carenza di sonno, sia a causa di un sonno troppo frammentato, cioè interrotto da microrisvegli che spesso non vengono nemmeno percepiti” ha spiegato Gianluigi Gigli, presidente Aims.

    Un problema da non sottovalutare, che merita attenzione e informazione: per questo l’Aims, in collaborazione con gli esperti della Simg, la Società di Medicina Generale, ha elaborato la prima “Guida pratica dedicata al rapporto tra sonno e rischio cardiovascolare”, che verrà presentata il 18 marzo 2011 nel corso dell’XI Giornata Nazionale del Dormiresano e che sarà reperibile sui siti internet di Aims e Simg e sul sito dedicato, www.morfeodormiresano.it.

    330

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuoreInsonniaMalattieMalattie cardiovascolariNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI