Insonnia: le cause sono stress e orari sregolati

Una recente indagine mette in evidenza che in Italia una persona su tre non dorme bene o dorme poco

da , il

    cause insonnia

    Sulle cause dell’insonnia si è dibattuto a lungo e adesso un’indagine portata avanti da Astraricerche riapre la questione, con uno sguardo particolare gettato su un Italia in cui il problema dell’insonnia sembra interessare una persona su tre, che dichiara di dormire troppo poco rispetto a quanto sarebbe necessario. E le conseguenze si fanno sentire sull’equilibrio psicofisico.

    Anche le relazioni con gli altri e i risultati sul lavoro risentono del peso dell’insonnia, che, secondo recenti stime, colpisce 20 milioni di Europei. Per comprendere cosa vuol dire dormire poco, bisogna tenere presente che non esistono regole che valgono in modo oggettivo per tutti. Di solito per sentirsi riposati occorrono sette o otto ore, ma il discorso è ampiamente soggettivo. Dall’inchiesta è emerso che le cause dell’insonnia consistono principalmente nello stress e negli orari sregolati. Impegni numerosi e rumori esterni non fanno altro che incidere sull’insonnia che sembra comportare anche una riduzione del piacere.

    Ma gli effetti della difficoltà a dormire bene si fanno sentire anche in termini di mancanza di concentrazione e di irritabilità durante il corso della giornata. L’insonnia può essere causata anche dalla sindrome delle gambe senza riposo. Infatti fra le cause dell’insonnia vanno annoverate anche alcune patologie, come i dolori alle ossa e alle articolazioni, il reflusso gastrico e malattie del cuore che incidono sulla respirazione.

    Qualunque sia la causa, l’insonnia non va sottovalutata, perché può determinare diversi problemi di salute sia a livello fisico che per ciò che concerne la salute mentale.