NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Insonnia: l’altra controindicazione dei farmaci anticancro

Insonnia: l’altra controindicazione dei farmaci anticancro

Oltretutto, secondo la ricerca, l’insonnia determinata con un meccanismo del tipo ” cane che si morde la coda ” si comporta alla stregua di un circolo vizioso, dove da un lato il paziente ha difficoltà nell’addormentamento, dall’altro il paziente si debilita proprio per la mancanza del sonno eppure tutto ciò è scarsamente considerato anche dalla stessa medicina ufficiale

da in Dolore, Farmaci, Insonnia, Malattie, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    insonnia

    Il fatto che oggi di fronte a malati di cancro si siano fatti passi sicuramente avanti nel gestire il dolore di queste persone, anche con le cure palliative, è sicuramente importante, ma resta ancora da considerare un altro aspetto relativo a questi pazienti e riguarda un altro tipo di sofferenza rappresentata dall’angoscia, dal dolore spirituale, dallo stress, fino a giungere alla depressione e non solo, nuovi studi annettono importanza anche all’insonnia, una situazione questa che se da un lato va a peggiorare lo stato psicofisico dei pazienti neoplastici, dall’altro individua anche nei farmaci assunti la causa, la stessa che si somma a tutti quei disagi appena visti e che rende spesso penosissima la vita di queste persone.

    Non si può dire che l’attenzione della medicina sia alta in tal senso, non lo era ieri quando gli antalgici per sedare il dolore fisico di questi pazienti erano somministrati col contagocce a causa della scarsa sensibilità della società, anche medica, nei confronti del dolore fisico, non lo è oggi di fronte alle sofferenze di questi malati che spesso trovano il loro primum movens dalla malattia e dal disagio, spesso insopportabile nel convivere con la malattia. Lo rileva anche una ricerca scientifica condotta dall’Università di Rochester e pubblicata sul Journal of Clinical Oncology che è stata condotta su 833 pazienti affetti da una neoplasia e dove si è rilevato come almeno 4 pazienti e più su dieci abbiano tali problemi in maniera accentuata, soprattutto se si parla di giovani pazienti.

    Oltretutto, secondo la ricerca, l’insonnia determinata con un meccanismo del tipo “ cane che si morde la coda “ si comporta alla stregua di un circolo vizioso, dove da un lato il paziente ha difficoltà nell’addormentamento, dall’altro il paziente si debilita proprio per la mancanza del sonno eppure tutto ciò è scarsamente considerato anche dalla stessa medicina ufficiale.

    «I disturbi del sonno vengono spesso trascurati – ammette Rodolfo Passalacqua, coordinatore nazionale del progetto HuCare (per l’umanizzazione dell’assistenza ai pazienti con cancro in Italia) e responsabile dell’Oncologia all’ospedale di Cremona -. Ad oggi, in effetti, non vengono neppure inclusi nei questionari per testare lo stato di salute psicologica dei malati. Mentre è ormai noto che l’insonnia è anche un possibile effetto collaterale della chemioterapia, soprattutto legato al cortisone somministrato insieme ai farmaci anticancro».

    446

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DoloreFarmaciInsonniaMalattieTumori
    PIÙ POPOLARI