Insetti pericolosi: anofele e le sue sorelle

Insetti pericolosi: anofele e le sue sorelle

Il bollettino zanzare promette un aumento degli insetti da giugno a luglio, ma non indica un allarme per infestazioni e epidemie

da in Benessere, Viaggi, zanzare
Ultimo aggiornamento:

    Zanzare

    Il mese di Luglio quest’anno potrebbe nascondere, per via delle precipitazioni di questa settimana, delle sorprese, in fatto di diffusione delle zanzare: questa estate e’ stata (Bollettino Zanzare) fino ad ora parca di insetti e di zanzare, per via della calma e secca del clima.

    Le intense piogge che hanno distinto gli ultimi giorni sono andate a schiudere le uova degli insetti, e gia’ dalle ultime ore l’incremento delle zanzarine si sta facendo notare.

    La Aedes caspius sara’ presente nelle zone di pianura adibite a coltivazione umida, come le risaie piemontesi e i campi della pianura padana, sui bagnasciuga delle coste, nelle citta’ di mare e di pianura. La zanzara Tigre, fortunatamente, per il momento, non e’ ancora stata elencata tra gli insetti che si stanno riproducendo in maggior numero, in questa estate.

    Le zanzare sono utili alla naturale catena alimentare che distingue un processo di produzione agricola naturale, da quello artificiale, quindi non si puo’ procedere a una indiscriminata disinfestazione che le cancelli dal regno animale, del resto pero’ non va bene quando le zanzare sono malate e portano le malattie.

    Che cosa stanno facendo allora i paesi industrializzati per risolvere l’inghippo: quello che fino ad ora e’ stato possibile ottenere e’ uno studio della zanzara, per modificarne il gene portatore dei virus in modo che sia incapace di portare virus.

    Una zanzarina OGM, che va a fare il suo dovere in natura ma non ammala gli uomini: questo e’ lo scopo del team di ricerca che si occupa di disarmare anofele e di combattere la diffusione della malaria.

    Il metodo attualmente praticato e’ semplicemente quello di sterilizzare i maschi, che solo da qualche anno a questa parte e’ stato possibile distinguere dalle femmine, dando il via alla sperimentazione. Se tutto questo funzionera’ l’incidenza della malaria precipitera’ notevolmente.

    FOTO: Vape

    386

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereViaggizanzare
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI