Inquinamento: in Italia si muore ancora troppo

Inquinamento: in Italia si muore ancora troppo

In Italia per inquinamento ambientale si piangono ben 7

da in Asma, Bronchite, Inquinamento, Malattie, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    inquinamento

    Pensavamo, chissà perché, che in Italia in fatto di inquinamento si stesse meglio che altrove e invece sbagliavamo, la situazione della nostra aria è tutt’altro che salubre, almeno stante ai dati divulgati dai Verdi alla voce “ Le polveri assassine”, dati che speriamo siano epurati da ogni forma di ideologia che di norma caratterizza certi movimenti ambientalisti ma che, una volta che sono stati certificati, dovrebbero darci l’idea tutt’altro che approssimativa di quanto la nostra penisola sia inquinata e alla luce di tutto ciò, c’è davvero poco da stare allegri!

    In Italia per inquinamento ambientale si piangono ben 7.400 morti all’anno, ovvero, almeno 20 italiani ogni giorno muoiono per queste cause, fatto questo che si riflette anche su un immane costo sociale pari a 4 miliardi e mezzo di euro divisi, quasi equamente, fra spese sanitarie e giornate di lavoro perse.

    “Un sostanziale numero di decessi, ricoveri ospedalieri e disturbi respiratori, specie nei bambini, sono attribuibili all’inquinamento atmosferico urbano”. L’ordine di grandezza “è delle migliaia o decine di migliaia di casi per anno nelle otto maggiori città italiane”. Complessivamente, secondo diversi studi scientifici (Misa 2-Epair), sottolinea il dossier dei Verdi, “il numero di decessi provocati in tutta Italia dagli inquinanti come Pm10, NO2, CO, O3 sono intorno a 7.400 l’anno. 20 persone al giorno muoiono a causa dell’inquinamento atmosferico nel paese.

    Una gravissima emergenza sanitaria”.

    Sul banco degli imputati finiscono nella quasi totalità, pari quasi al 90%, le polveri sottili, una larga parte rappresentata dal 50% è invece ascrivibile al biossido di azoto; l’Organizzazione Mondiale della Sanità riferisce che “sono circa 100.000″ mentre sono “oltre 6.000 ricoveri per problemi cardiovascolari e respiratori e circa 65.000 casi di bronchite acuta e attacchi di asma concentrati in modo particolare tra i giovani”.

    Ma l’inquinamento avrà mutato le abitudini degli italiani in fatto di spostamenti? Non si sa, sappiamo però che secondo il Censis i nostri connazionali trascorrono lunga parte della loro vita in auto o nei mezzi pubblici; un esempio… I “milanesi 105 minuti (che moltiplicati per 74 anni di vita media, dà 5,3 anni), 115 minuti per i bolognesi (5,9 anni per l’arco della vita), 135 a Roma (pari a 6,9 anni) e di 140 per i napoletani (7,2 anni per i 74 anni di vita media)”.

    433

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AsmaBronchiteInquinamentoMalattieNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI