Infortuni: assicurazione alle casalinghe

Infortuni: assicurazione alle casalinghe

In casa si consumano molti più incidenti di quanti non se ne sia a conoscenza, e il motivo per cui questo accade nella maggior parte dei casi è legato alla stanchezza, alla disattenzione, alla distrazione della persona che sta svolgendo il lavoro domestico

da in Primo Piano, Salute Donna, trauma
Ultimo aggiornamento:

    Casa

    In casa pochi, brevi e saggi consigli per evitare di incappare in uno dei più diffusi pericoli, o meglio nella causa di incidenti più comune tra chi non svolge una attività lavorativa fuori casa: il rischio dell’incidente domestico. Da cui l’assicurazione obbligatoria per la donna casalinga e la persona che cura la casa.

    Ci sono dei comportamenti, atteggiamenti, delle abitudini, che possono essere maggiormente rischiose per la nostra incolumità: questi comportamenti sono spesso inconsci, o meglio sono azioni non controllate o non del tutto controllate che possono diventare pericolosi quando alla distrazione si aggiungono stanchezza e disattenzione generale.

    Uno dei più diffusi incidenti domestici è quello di frattura o di trauma per apertura delle porte del pensile o per esposizione del pensile con gli spigoli in area di passaggio, da cui la possibilità di trauma con il capo, le braccia, le gambe, più spesso le ginocchia o le dita dei piedi. In molti casi il rischio di frattura è alto.

    Coltelli e lame sono un altro pericoloso oggetto che nelle cucine e nelle zone di preparazione del cibo dovrebbe avere una consona posizione: bambini, anziani, ma anche adulti e casalinghe rischiano di tagliarsi con le lame esposte o durante la preparazione del cibo, ma il pericolo è ancora più grave quando l’arma può essere usata per errore col rischio di morte o lesioni gravi in caso di incidente.

    Anche il pavimento può nascondere delle insidie: se le piastrelle bagnate o con detersivo residuo possono far scivolare e cadere con le conseguenze del caso, lo stesso possono fare i tappeti, da evitare se non sono ben ancorati al pavimento. Lo stesso discorso vale per le zone da bagno, da proteggere con i classici tappeti di gomma anti-scivolo.

    Le prese sono un dilemma per la loro versatilità ma anche varietà: rassicurarsi che siano stagne e che siano adatte all’elettrodomestico che devono collegare è una sicurezza per non avere problemi di scosse elettriche o di incendio, lo stesso metodo di controllo va applicato ai piccoli elettrodomestici, con particolare attenzione ai fili e alla manutenzione dei contatti.

    Le prese non vanno mai disinserite tirando i fili, come del resto a macchina accesa, come ad esempio frullatori, tritatori, ferri da stiro, caldaie, ventilatori, va evitata ogni manovra logistica.

    Le pentole sul fuoco non vanno mai poggiate con i manici esposti, potrebbe accadere di inceppare nella manica e di versarsi il contenuto bollente sulla pelle, con il rischio concreto di ustioni e di traumi.


    Per il gas e per il carburante combustibile
    va osservata la regola di mantenerlo fuori casa, con attenzione alle valvole di sfogo, alle areazioni, alle aperture e chiusure.

    In casa va seguito un ordine rigoroso per la cura e il deposito dei detersivi e dei medicinali, con una particolare attenzione a tenerli lontano dai bambini, affinché non ne facciano un uso improprio.

    Per le donne o le persone che svolgono regolarmente i lavori domestici, indipendentemente dalla loro posizione lavorativa, esiste una posizione assicurativa che copre l’invalidità per eventuali incidenti domestici avvenuti in casa propria nella mansione di riordino e sistemazione dell’ambiente, per il riconoscimento di un sussidio aggiuntivo in caso di incidenti gravi a danno permanente.

    Fonte: Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari PA Trento

    Immagini tratte da My Luxury Blog di Nanopress

    688

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Primo PianoSalute Donnatrauma
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI