Influenza: combatterla a tavola con i consigli della Coldiretti

Ecco i consigli che la Coldiretti ha diffuso in vista del picco influenzale previsto in queste settimane: semplici consigli per un'alimentazione contro l'influenza

da , il

    dieta influenza

    Sta arrivando: il picco influenzale è alle porte e si prevedono dai 2 ai 5 milioni di Italiani a letto a fare i conti con dolori muscolari e articolari, febbre e tutti i sintomi tipici dell’influenza. Senza dimenticare tutti gli altri classici malanni di stagione, dal mal di gola al raffreddore. Per combatterli è importante anche l’alimentazione.

    Proprio in fatto di dieta per la prevenzione dell’influenza, la Coldiretti ha diffuso nei giorni scorso una nota ricca di consigli pratici, consigliando, a livello generale, di “aumentare le calorie consumate, iniziando la mattina con latte, miele o marmellata e portando poi a tavola soprattutto zuppe, verdure, legumi e frutta”.

    Per quanto riguarda la frutta, immancabile quella di stagione, ricca di vitamina C, come kiwi, clementine e arance. Da scegliere “rigorosamente italiane per evitare che i trasporti ne riducano il contenuto vitaminico” ricorda Coldiretti.

    Anche in fatto di verdure, devono farla da padrone quelle di stagione, prediligendo i prodotti ricchi di vitamina A “perché danno il giusto quantitativo di sali minerali e vitamine antiossidanti che sono di grande aiuto per combattere le conseguenze dello stress del cambio di stagione sull’organismo” sottolinea Coldiretti. Sì, dunque, a spinaci, cicoria, zucca, ravanelli, zucchine, carote, broccoletti.Ottimi anche cipolle e aglio possibilmente crudi per la valenza antibatterica non indifferente” ricorda ancora Coldiretti.

    Ricordate, inoltre, di inserire nel regime alimentare i legumi, che come sottolinea Coldiretti “contengono ferro e sono ricchi di fibre che aiutano l’organismo a smaltire i sovraccarichi migliorando le funzionalità intestinali”, ma anche latte, uova e alimenti ricchi di probiotici. “Va anche ricordato che, in un soggetto normale, l’assunzione di proteine deve essere compresa tra 0,8- 1,3 grammi di proteine per chilo di peso corporeo, per cui una buona dose di carne nella dieta non può fare che bene” conclude Coldiretti.