Influenza: bambini piccoli a casa

Influenza: bambini piccoli a casa

L'influenza A e l'influenza stagionale sono due diversi virus, che quindi hanno bisogno di eventualmente due diversi vaccini per poter affermare di non essere a rischio: per le famiglie con bambini piccoli può essere bene mantenerli a casa nel periodo più virulento per evitare il contagio

da in Bambini, Influenza, Influenza suina, Primo Piano, Sanità, Vaccino antinfluenzale
Ultimo aggiornamento:

    Aula Scolastica

    I pediatri consigliano la serenità alle famiglie che hanno dei bambini in età di asilo o in età scolare, per questo in previsione della ondata di influenza che colpirà nei prossimi giorni consigliano di prevenire tenendo a casa i propri figli dalle strutture se si presenta l’epidemia o se si pensa che il proprio bambino possa rientrare tra i casi a rischio.

    Il fenomeno, spiega la Società Italiana di Pediatria, servirà fino a che i bambini piccoli non potranno essere vaccinati: quando si parla di vaccini si fa riferimento a due diverse profilassi, la nuova influenza infatti non è coperta dal vaccino della influenza stagionale, quindi i genitori che sono in ansia per i propri bambini possono risolvere in questo modo, tenendo i propri figli lontani da luoghi affollati, seguendo normali norme igieniche e nutrendoli con frutta e verdura e alimenti sani e vitaminici.

    Gianni Bona, pediatra e Vice Presidente della SIP ha dichiarato: “I bambini con patologie a rischio dovranno vaccinarsi prima dell’arrivo della pandemia, nel caso in cui il sospetto sia di avere contratto l’influenza A invece è meglio consultare il pediatra.” Recarsi al Pronto Soccorso non è consigliato perché il rischio principale è di code interminabili per un antipiretico.

    I sintomi della influenza sono sempre gli stessi: febbre alta, dolori diffusi, nausea, mal di testa, in alcuni casi i bambini piccoli possono soffrire di attacchi di diarrea; nei giorni in cui si presenta la febbre, i primi tre in genere, va bene usare un antipiretico, nei giorni finali invece il bambino può rimanere in casa senza dover somministrare altri medicinali.

    L’antivirale solo nel caso in cui ci siano peggioramenti che colpiscono i polmoni, la gola, i reni, le ghiandole in genere etc .. Il contagio dura per circa otto giorni, nei quali è bene evitare il contatto con altri bambini.

    Le immagini sono tratte dal sito internet delle Scuole Medie “Capitanio”

    387

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniInfluenzaInfluenza suinaPrimo PianoSanitàVaccino antinfluenzale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI