Influenza Australiana: è arrivata in Italia

Influenza Australiana: è arrivata in Italia

Ci siamo, a Natale fra gli invitati ci sarà anche la influenza australiana che quest'anno dovrebbe mandare a letto 5 milioni di italiani; è una forma più aggressiva ma i rimedi ci sono

da in Antibiotici, Farmaci, Malattie, Primo Piano, Vaccini
Ultimo aggiornamento:

    Influenza

    Sarà il regalo di Natale più sgradito, neanche il vicino di casa poteva farci un regalo di Natale tanto poco accetto, per lo meno non siamo pure costretti a ringraziare, perché l’unico ringraziamento che potremo rivolgere è quello di sperare che almeno l’influenza australiana ci colpisca, se proprio deve farlo, fuori dalle Feste di fine anno. E diciamo che le possibilità di restare coinvolti dal contagio quest’anno ci sono eccome, se è vero il dato, per di più in difetto, che vuole una popolazione di influenzati che supererà i 5 milioni quest’anno.

    L’influenza Australiana comunque si può contrastare efficacemente con il vaccino in primis, tutto quello che si potrà fare in assenza di questo presidio servirà solo a rimediare ai sintomi più fastidiosi, come si fa con i farmaci sintomatici che serviranno a contrastare anche la febbre, i dolori muscolari e il senso di malessere. Per soggetti considerati a rischio invece anche l’influenza australiana può rappresentare un pericoloso spauracchio.

    I soggetti a rischio
    I bambini sono notoriamente più a rischio non avendo ancora del tutto sviluppato il sistema immunitario in grado di opporsi efficacemente all’attacco del virus. Altrettanto a rischio sono i soggetti anziani di fatto piegati quasi sempre da multipatologie che di per sé fiaccano il loro fisico. D’altro canto sbalzi di temperatura con eccessi febbrili che giungono anche a 40 gradi in soggetti defecati potrebbero essere molto pericolosi se solo si considera il rischio di disidratazione cui potrebbero giungere questi pazienti, rischio che potrebbe provocare bruschi cali di pressione, se non addirittura pericolosissime aritmie cardiache per lo squilibrio elettrolitico cui questi soggetti possono andare incontro.

    A rischio sono anche i diabetici e i soggetti affetti da importanti malattie croniche compresi gli asmatici e gli allergici. Così come c’è da considerare che esiste anche il rischio di contagio, cui siamo sottoposti tutti ma esistono alcune categorie professionali come gli operatori sanitari, lavoratori costretti ad operare laddove ci sono assembramenti di persone, che possonodiffondere il contagio a loro volta, quindi chi è a contatto col pubblico come autisti di autobus, maschere del cinema, chi lavora agli sportelli degli uffici”.

    Come difendersi
    Evitare il contatto con malati che siano affetti dall’influenza, lavarsi le mani spesso, evitare di starnutire o essere bersaglio degli altrui starnuti sono piccole regole che possono in parte limitare la possibilità di finire a letto con la febbre.

    Così come oggi esistono in commercio particolari farmaci antivirali che possono in qualche modo difendere in una percentuale interessante di casi, dal virus. Ma sono farmaci a stretto controllo medico.

    Se ci si ammala

    Quando ci si ammala invece l’unico modo per evitare conseguenze peggiori è quello di starsene con pazienza a casa, affidarsi al medico che prescriverà i sintomatici del caso e, laddove servano, si premunirà di prescrivere anche gli antibiotici ed occorre sapere che questi farmaci vanno prescritti solo dal medico e che a volte risultano indispensabili quando si sviluppano infezioni causate da germi che approfittano dello stato di prostrazione dell’organismo per colonizzare organi esposti all’attacco. Poiché la diagnosi di un’eventuale infezione sovrapposta spetta al medico sarà lo stesso a discernere la classe si antibiotici, la posologia e la durata della terapia da applicare.

    Per il resto, l’unico modo per contrastare il virus resta fino adesso sempre il vaccino.

    604

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntibioticiFarmaciMalattiePrimo PianoVaccini
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI