Influenza A: servono davvero i gel disinfettanti?

Influenza A: servono davvero i gel disinfettanti?

Si intende bene che nessuna criminalizzazione è stato possibile percepire da parte degli studiosi di gel disinfettanti, da una parte, così come, cercando di intendere il loro pensiero, non si può neanche pensare che tali sistemi possano ripararci dall’aggressione virale come si trattasse di vere e propria panacea

da in Malattie, Primo Piano, Virus, disinfettante
Ultimo aggiornamento:

    gel disinfettanti

    Forse se non fosse stata data tutta l’enfasi riconosciuta alla influenza A, difficilmente si sarebbe contestualmente ammessa tanta importanza ai gel disinfettanti per le mani, guardati come una vera e proprio panacea contro batteri e soprattutto virus, H1N1, in particolare. L’hanno ben capito i produttori di tali presidi sanitari che si sono buttati letteralmente a capofitto nella realizzazione industriale di tali presidi e che aggiunti a coloro che si sono prodigati a produrre fazzolettini imbevuti e saponi più o meno medicati, hanno fatto il primo vero grande business legato all’influenza A; si tratta adesso soltanto di capire se è vero che tali disinfettanti siano realmente efficaci, o se servono soprattutto a dar pace alle nostre coscienze nel momento in cui riteniamo di aver messo in atto ogni attività atta a contrastare il cammino del virus e, se è vero che sono tanto indispensabili è proprio vero che sappiamo usarli al meglio?

    Secondo Anne Schuchat, direttrice del National Center for Immunization and Respiratory Diseases, che esorta gli americani a lavarsi bene le mani e disinfettarle altrettanto al meglio, i gel dinfettanti svolgono la loro azione nel contrastare il virus influenzale, si tratta di capire se davvero hanno quelle proprietà tali da metterci al riparo dal virus, oltre ad evitare di contagiarlo ad altri. Più cauto nei confronti dell’azione di queste sostanze è invece Andrew Pekosz della Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health, il quale non destituisce di validità tali sistemi ma ricorda che, “L’ingrediente attivo nei gel disinfettanti per mani, di solito l’alcol distrugge gli strati esterni di batteri e virus, di fatto disattivandoli”. “Ma i disinfettanti, fa eco Lisa Bernsdtein della Mery University School of Medicne,agiscono per contatto, quindi basta tralasciare una piccola parte della mano, magari tra le dita, per lasciare intatti milioni di batteri o virus”.

    Si intende bene che nessuna criminalizzazione è stato possibile percepire da parte degli studiosi di gel disinfettanti, da una parte, così come, cercando di intendere il loro pensiero, non si può neanche pensare che tali sistemi possano ripararci dall’aggressione virale come si trattasse di vere e propria panacea. Per lo meno, grazie agli studiosi, possiamo apprendere come usare quotidianamente tali disinfettanti, per lo meno, finchè l’allarme virus influenzale continui ad impensierire la stragrande parte della popolazione

    - I gel disinfettano le mani ma non hanno azione protettiva, quindi possono passare pochi minuti per avere le mani di nuovo infette
    - Le mani vanno coperte interamente dal gel, sciaquate e asciugate con cura
    - Durante un normale giorno di lavoro le mani andrebbero disinfettate almeno cinque volte
    - Se si starnuta o tossisce sulle mani si devono disinfettare spesso
    - Lavare le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi è più efficace che usare il gel, perché virus e batteri così vengono rimossi e non solo disattivati.
    Se non utilizzati correttamente, i gel disinfettanti sono assolutamente inutili: “Ti danno la sensazione di star facendo qualcosa di utile, ma è qualcosa di emozionale più che di reale”, avverte la Bernstein.

    Fonte: Landau E. Hand sanitizer: how it protects you. CNN 27/11/2009.

    563

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattiePrimo PianoVirusdisinfettante
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI