Influenza 2013: la più aggressiva degli ultimi anni

Influenza 2013: la più aggressiva degli ultimi anni

Negli Stati Uniti è in vendita uno spray antibatterico in grado di proteggere dall’influenza e dal raffreddore

da in Febbre, Influenza, Virus influenzale
Ultimo aggiornamento:

    influenza 2013 nuovi virus

    L’influenza 2013 sarà più aggressiva. A confermarlo sono stati gli esperti, i quali hanno chiarito che avremo a che fare con una stagione influenzale sicuramente più complicata rispetto a quella che abbiamo affrontato negli ultimi due anni. L’Associazione microbiologi clinici italiani fa il punto sulla situazione, spiegando con quali virus avremo a che fare nel periodo che intercorre fra la fine del 2012 e l’inizio dell’anno prossimo. In particolare ci aspettano due virus che daranno man forte all’influenza stagionale, accentuando i sintomi dell’influenza, febbre, naso che cola, problemi alle vie respiratorie e influenza intestinale.

    Gli esperti hanno chiarito la situazione tenendo conto dei dati dell’Oms: sarà ancora in circolazione il ceppo virale pandemico del 2009, il virus h1n1; tuttavia ci saranno in circolazione anche altri due virus differenti rispetto a quelli affrontati negli anni precedenti (l’influenza 2011 e l’influenza 2012), il ceppo virale B e l’H3N2. Il risultato consisterà in una stagione influenzale che ci darà del filo da torcere.

    Da qui l’esigenza di esercitare una forma più adeguata di prevenzione dell’influenza attraverso il ricorso al vaccino contro l’influenza, vivamente consigliato soprattutto per i soggetti più deboli e più a rischio, come gli anziani, i bambini e i soggetti che sono affetti da malattie respiratorie.

    Proprio per questo, per difendersi dall’influenza che ci attende, gli scienziati sono già al lavoro. A questo obiettivo concorrono più di 100 laboratori in tutto il mondo, occupandosi di raccogliere i virus influenzali riscontrati nei pazienti, per inviarli a cinque centri che costituiscono dei veri e propri punti di riferimento per lo studio dell’influenza: Atlanta, Londra, Melbourne, Tokyo e Pechino.

    In questo modo si può ricostruire l’identikit dell’influenza che ci aspetta e si può lavorare alla realizzazione di un apposito vaccino contro di essa. Si cerca in sostanza di concentrare tutti gli sforzi nel cercare la difesa più adatta dall’influenza aggressiva che ci aspetta, soprattutto perché si sa bene quanto potrebbe essere elevato il bilancio delle vittime.

    Un po’ come è successo nel 2009, quando l’influenza A ha provocato la morte di 575.000 persone, soprattutto fra coloro che superavano i 65 anni di età. Si è trattato in quella stagione di 100.000 morti in più rispetto alle vittime provocate dalla solita influenza.

    Si era già anticipato che l’influenza 2012/2013 sarà americana, un’influenza che non bisogna minimizzare, anche se non è opportuno creare inutili allarmismi. Di certo per la nuova influenza valgono tutte quelle raccomandazioni utili, che ci permettono di difenderci al meglio.

    Lo spray antibatterico per prevenire l’influenza

    La prevenzione dell’influenza e del raffreddore è essenziale, per non sottoporre il nostro organismo ad una condizione di malessere.

    Visto che tra l’altro quest’anno l’influenza promette di essere più aggressiva, è molto importante puntare sulla prevenzione, specialmente per i soggetti più a rischio, come i bambini, gli anziani e coloro che soffrono di determinate patologie, come le malattie a carica dell’apparato respiratorio.

    Il tutto per evitare l’insorgenza di complicazioni dell’influenza, che potrebbero essere anche gravi. E’ proprio nella prospettiva della prevenzione dell’influenza la ricerca scientifica sta facendo passi da gigante.

    Non si tratta solo della possibilità di ricorrere al vaccino antinfluenzale. Negli ultimi tempi ci si sta rivolgendo, per la prevenzione dell’influenza, anche a sistemi alternativi e più innovativi. Negli Stati Uniti è già in vendita uno spray, che riesce a proteggere dall’influenza e dal raffreddore, in quanto è capace di uccidere il 99,9% dei microbi che attaccano le vie aree superiori.

    Si tratta di una novità molto interessante, che di certo non manca di suscitare l’attenzione mondiale. Due studi hanno dimostrato la validità dello spray in questione: sono due ricerche dello University Hospitals Case Medical Center, i cui risultati sono stati presentati alla Interscience Conference on Antimicrobial Agents and Chemotherapy di San Francisco.

    E’ stato messo in evidenza che lo spray contro l’influenza è efficace sia contro il virus H1N1 che contro i batteri responsabili della pertosse. Si tratta di una protezione contro tutti i germi che si trovano nell’aria e la protezione antibatterica riesce a durare nel tempo, anche fino a sei ore.

    Tra l’altro si può mangiare o bere tranquillamente in questo arco di tempo, senza che venga meno l’efficacia protettiva dello spray stesso. Una spray antibatterico quindi, in grado di rivelarsi una nuova e importante arma contro i germi responsabili dell’influenza e del raffreddore.

    La ricerca in campo medico riesce a proporci nuovi prodotti che possono rappresentare delle opportunità da non sottovalutare per ciò che riguarda la tutela della nostra salute.

    Quella che è stata proposta negli Stati Uniti è una novità che non va affatto sottovalutata, anche per la sua praticità.

    Sarebbe auspicabile che anche il nostro Paese si adeguasse in questo senso, introducendo lo spray antibatterico, che, grazie ai suoi numerosi vantaggi, permetterebbe di contribuire in maniera essenziale al nostro benessere generale.

    916

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FebbreInfluenzaVirus influenzale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI