Influenza 2011/2012: vaccinazione per le persone a rischio

Influenza 2011/2012: vaccinazione per le persone a rischio

Influenza 2011/2012 ufficialmente al “lavoro”: per sconfiggerla o, meglio, batterla sul tempo con la prevenzione, meglio scegliere il vaccino, soprattutto per le persone a rischio

da in Infezioni, Prevenzione, Sanità, Vaccini, Virus influenzale
Ultimo aggiornamento:

    Vaccino per l'influenza, per le persone_rischio

    Anche quest’anno, puntuale e fastidioso, si è presentato o si presenterà a breve alla porta di migliaia di italiani il virus influenzale: in molti casi, però, grazie alla vaccinazione, l’influenza 2011/2012, non avrà vita facile. Continuano gli appelli degli esperti a ricorrere al vaccino aintinfluenzale, soprattutto per le persone a rischio.

    Milioni di italiani hanno già scelto la prevenzione, sottoponendosi al vaccino e, secondo le stime, molti ancora lo faranno nell’arco dei prossimi 30 giorni utili. Occhi e riflettori puntati, soprattutto, sui connazionali appartenenti alle cosiddette categorie “a rischio”, come anziani, bambini, donne durante la gravidanza e diabetici.

    All’appello mancano circa 8 milioni di italiani a rischio, che non hanno ancora effettuato la vaccinazione. Attualmente è stata vaccinata, secondo i dati ufficiali, il 60% della popolazione italiana a rischio, ma l’obiettivo da raggiungere è più ambizioso.

    “L’obiettivo è raggiungere almeno il 75% della popolazione “fragile”, oggi siamo al 60%. Sono malati cronici, anziani, bambini, ecc.

    sui quali anche un virus debole, quale sarà quello che ci attende, può avere conseguenze pesanti. Il consiglio e’ ricorrere comunque all’immunizzazione, fino a fine dicembre, termine ultimo indicato dal ministero della Salute” ha affermato Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) che ha inaugurato ieri, a Firenze, il XXVIII Congresso nazionale.

    E’ arrivata nel Bel Paese, ufficialmente, un paio di giorni fa, l’influenza 2011/2012, che sarà molto simile a quella che ha costretto a letto, tra starnuti, tosse e nasi gocciolanti, gli italiani durante la scorsa stagione invernale.

    321

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InfezioniPrevenzioneSanitàVacciniVirus influenzale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI