Influenza 2011: picco massimo tra i bambini, 60% a letto

Influenza 2011: picco massimo tra i bambini, 60% a letto

L’influenza è arrivata al suo picco massimo anche quest’anno, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione, i bambini: numeri al rialzo per colpa dello scarso ricorso al vaccino

da in Bambini, In Evidenza, Infezioni, Influenza, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Influenza, il picco tra i bambini

    Dopo settimane di “attesa” di allarmi lanciati, ritirati, sussurrati e urlati, è ufficiale, il picco dell’influenza stagionale di quest’anno, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione, tra i bambini, è arrivato, confermando i dati temuti. Ben il 60% circa dei piccoli italiani è alle prese, in questi giorni con il virus influenzale ed è costretto a letto, con termometro e fazzoletti alla mano.

    Anche per quest’anno l’influenza è riuscita a colpire nel segno, intascando un ricco bottino: i tre virus influenzali, H1N1 compreso, sono stati in grado anche nel 2011 di colpire una buona fetta della popolazione italiana e, in particolare, i bambini, soprattutto in età scolare.

    Merito dei virus influenzali, ma, secondo gli esperti, gran parte della colpa è da attribuire alla mancata prevenzione: la vaccinazione anti-influenzale, che assicura una protezione efficace dai malanni stagionali, ha riscosso scarso successo, come sottolinea Giuseppe Mele, presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp), che ha affermato “purtroppo quest’anno il ricorso alla vaccinazione è ulteriormente diminuito”.

    “Quest’anno la vaccinazione anti-influenza non ha avuto l’effetto sperato”, ha aggiunto il presidente. Colpa del vaccino o di bambini e genitori, che hanno scelto di non seguire le raccomandazioni degli esperti, non optando per la vaccinazione? La risposta è ovvia, il mancato raggiungimento degli obiettivi sperati non è da atttribuire al vaccino, ma allo scarso ricorso all’immunizzazione.

    Vaccino sì o vaccino no: questa domanda aleggia ancora nell’aria e accende il dibattito, soprattutto tra i genitori, incerti sul da farsi quando si tratta della salute dei propri pargoli. Per diffondere la giusta consapevolezza e la corretta informazione, è necessario coinvolgere, in particolare, i pediatri.

    341

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniIn EvidenzaInfezioniInfluenzaNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI