Influenza 2011: aria secca ne favorisce la diffusione

Influenza 2011: aria secca ne favorisce la diffusione

Secondo gli esperti la diffusione dell'influenza 2011 sarebbe favorita dall'aria secca

da in Infezioni, Influenza, News Salute, Prevenzione, Primo Piano, Virus influenzale
Ultimo aggiornamento:

    influenza aria secca diffusione

    L’influenza 2011 a causa dell’aria secca incontra maggiori possibilità di diffusione. Febbre, malessere e tutti gli altri sintomi dell’influenza rappresentano dei problemi da evitare. Ecco perché si deve essere consapevoli delle condizioni che favoriscono la diffusione del virus influenzale. Gli esperti chiariscono la relazione fra influenza e aria secca.

    L’aria secca determina la resistenza del nostro organismo alle infezioni e, se colleghiamo tutto ciò alla diminuzione delle temperature, si comprende bene come il nostro sistema immunitario non sia in grado di svolgere al meglio la sua funzione di protezione. Per questo in tema di influenza 2011 è opportuno seguire alcune raccomandazioni utili. Fra queste non possiamo trascurare l’accurata pulizia specialmente nei luoghi di lavoro, nei quali ci sono oggetti che vengono toccati un po’ da tutti.

    L’igiene è fondamentale, tenendo presente che il virus influenzale è in grado di resistere sulle superfici fino a 24 o 48 ore. Chiaramente nel caso dell’influenza 2011 dobbiamo cercare di difenderci anche dalle infezioni batteriche, che possono portare a delle complicanze. Molto utili per la prevenzione sono anche le previsioni e i consigli on line del Ministero della Salute sull’influenza.

    L’essenziale è cercare di puntare sulla prevenzione dell’influenza, in modo da riuscire a non dover avere a che fare con tutti quei sintomi fastidiosi, che ci costringono a stare a casa e mettono a rischio il nostro benessere generale. Evitiamo il freddo, curiamo l’alimentazione e prestiamo attenzione alla salute, nonostante le condizioni atmosferiche siano favorevoli alla diffusione dell’influenza.

    337

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InfezioniInfluenzaNews SalutePrevenzionePrimo PianoVirus influenzale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI