Infezioni urinarie: antibiotici per lungo periodo per infezioni ricorrenti

Infezioni urinarie: antibiotici per lungo periodo per infezioni ricorrenti

Per tali pazienti con predisposizione alle infezioni del tratto urinario e trattati con terapie a basso dosaggio di terapia antibiotica al fine di prevenire il ripetersi di infezioni, è stato predisposto uno studio scientifico per avvalorare o meno questa consuetudine terapeutica di molti pediatri

da in Antibiotici, Cistite, Farmaci, Infezioni, Malattie
Ultimo aggiornamento:

    cura cistite

    I bambini possono andarvi incontro con una certa frequenza, con fastidi non trascurabili per il loro benessere fino a sviluppare vere e proprie patologie croniche; parliamo di piccoli pazienti affetti in maniera ricorrente, quasi continua, di infezioni del tratto urinario, patologia questa che si conclama con tutta una serie di disturbi che limitano la qualità della vita di questi piccoli pazienti.

    La sintomatologia clinica delle infezioni delle vie urinarie oltretutto, se è già difficilmente gestibile negli adulti, figuriamoci nei bambini che, oltretutto, se parliamo di neonati, aggravano la patologia stessa con lo stesso pannolino, potenziale ricettacolo di agenti patogeni in presenza di tali malattie infettive.

    Per tali pazienti con predisposizione alle infezioni del tratto urinario e trattati con terapie a basso dosaggio di terapia antibiotica al fine di prevenire il ripetersi di infezioni, è stato predisposto uno studio scientifico per avvalorare o meno questa consuetudine terapeutica di molti pediatri.

    Per giungere a stabilire l’esigenza o meno di procedere secondo tali protocolli scientifici, sono stati osservati 576 pazienti di età inferiore a 18 anni trattati con Bactrim, un’associazione di due principi attivi, Trimetoprim e Sulfametoxazolo; lo schema posologico prevedeva la monosomministrazione giornaliera di 2 milligrammi di Trimetoprim insieme a 10 milligrammi di Sulfametoxazolo per chilo di peso corporeo.

    La conclusione del lavoro scientifico ha dimostrato che la terapia somministrata per lungo periodo, sia pure a basso dosaggio, raggiunge l’obiettivo sperato; ovvero, diminuisce la possibilità di incorrere in infezioni urinarie in soggetti predisposti.

    293

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntibioticiCistiteFarmaciInfezioniMalattie
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI