Infezioni in ospedale: è in argento la sala operatoria antibatterica

Infezioni in ospedale: è in argento la sala operatoria antibatterica

Per abbattere il triste fenomeno delle infezioni ospedaliere è nata una nuova tecnologia che sfrutta il potere antibatterico dell'argento: da sfrutta soprattutto in sala operatoria

da in Batteri, In Evidenza, Infezioni, Ministero della Salute, Ospedali
Ultimo aggiornamento:

    In argento la sala operatoria anti-microbi

    In ospedale si va per curarsi, ma un fenomeno ancora piuttosto frequente è quello delle infezioni che si possono contrarre proprio nelle stanze di degenza: in Europa, solo lo Stafilococco aureo è responsabile di circa 3 milioni di infezioni ospedaliere.

    Per garantire la sterilità delle stanze più sensibili, cioè le sale operatorie, è stata presentata in questi giorni a Roma, durante la V Conferenza europea dell’ospedale, organizzata da Cneto (Centro nazionale per l’edilizia e la tecnica ospedaliera) e dall’università Cattolica romana, una tecnologia – chiamata ALPactive Antimicrobial – che sfrutta il potere antimicrobico dell’argento.

    Sembra, infatti, che gli ioni d’argento abbiano capacità antimicrobiche note sin dai tempi degli Egizi, quando si usavano monetine d’argento per depurare l’acqua. Da qui l’idea di realizzare pannelli in alluminio che contengono ioni in argento-zeolite che uccidono i batteri e impediscono loro di riprodursi.

    Il funzionamento di questa tecnica, che punta a ridurre al minimo le infezioni ospedaliere, è stato messo alla prova in effettive condizioni di servizio, della durata di 18 mesi, seguendo le linee guida e sotto il controllo del Dipartimento dell’innovazione del Ministero della Salute e i risultati, presentati dall’azienda produttrice, parlano di un miglioramento della qualità dell’aria superiore al 77%, in sicurezza perché gli ioni di argento sarebbero assolutamente atossici.

    L’azione antimicrobica degli ioni di argento sarebbe certificata su numerosi agenti patogeni tra cui: lo stafilococco aureo, la candida, la legionella (batterio che, se inalato, può scatenare serie infezioni a livello polmonare) e l’escherichia coli (per causare infezioni intestinali). Certo, prima o poi l’effetto dell’argento svanisce: pare che le pareti così concepite possano funzionare a regime per circa dieci anni.

    Immagine tratta da: Cittadinanzattivasicilia.com

    355

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BatteriIn EvidenzaInfezioniMinistero della SaluteOspedali
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI