Infermieri: in Italia scarseggiano

Infermieri: in Italia scarseggiano

I medici in Italia sono troppi rispetto alla media della popolazione, invece il personale infermieristico scarseggia; per questo bisogna trovare una soluzione, secondo l'OCSE, cercando anche dei contatti con l'estero, per importare personale da assumere nelle nostre strutture

da in News Salute, Primo Piano, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Infermiera

    Medici in abbondanza e personale infermieristico al limite: si tratta della situazione italiana, in cui ci troviamo a contare che, i medici specialisti sono troppi, gli infermieri troppo pochi, il personale amministrativo dipende dalla direzione centrale e l’organizzazione economica e finanziaria non sono sempre ottimizzate.

    Questo non fa dell’Italia un paese con un sistema sanitario malvagio, certo no, ma la carenza di personale infermieristico non aiuta ad affrontare con adeguate misure le emergenze ospedaliere.

    A segnalare la presenza di questa anomalia è stato il Rapporto dell’OCSE, un rapporto sulle risorse umane in ambito sanitario, relativo all’anno 2008: il rapporto è disponibile per intero sul sito internet dell’Istituto Superiore di Sanità.

    L’Italia sarebbe il paese che al mondo ha il numero più alto di medici, in rapporto al numero di abitanti, si tratta di 600 medici circa ogni 100 mila abitanti; di questi ci sono i medici che sono inseriti all’Albo dei Medici e Chirurghi, che sono 370 mila, che sono inseriti nel settore pubblico per un terzo del totale.

    Ma non è tutto: le statistiche dell’OCSE hanno sempre qualche sorpresa: in questo caso emerge la caratteristica professionale principale del sistema italiano: c’è molta concorrenza tra il settore pubblico e quello privato, al punto che la competizione arriva a toccare tutti i giovani che cominciano la professione e che si trovano nella situazione di dover affrontare un periodo di prova piuttosto lungo, identificato con posti di lavoro qualificati ma non sempre sicuri.

    Invece dal suo canto la Federazione Nazionale IPASVI fa notare che la carenza di personale infermieristico è grave, e una soluzione potrebbe essere quella di assumere del personale che proviene dall’estero, in quanto il 15% dei posti di lavoro per infermieri è vacante.

    La carenza di infermieri rende difficile la competizione con i paesi dell’Estero, dove il personale è molto più motivato rispetto che non in Italia, poiché il salario medio di un infermiere professionale è più alto che nel nostro paese dell’11% circa di media.

    Fonte: Yahoo Notizie Salute
    Foto da Flickr

    428

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News SalutePrimo PianoSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI