Infarto: una cura dal gel

Infarto: una cura dal gel

Secondo il quotidiano britannico Dayly Mail una ricerca israeliana avrebbe individuato in un gel da iniettare direttamente in sito a livello del miocardio la cura del cuore dopo un infarto restituendo integrità al muscolo che verrebbe aiutato in questo dalla struttura solida del gel che proteggerebbe il cuore oltretutto preservandolo da nuovi attacchi

da in Cuore, Infarto, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Cardiochirurgia

    Prendiamo sempre con le pinze ogni nuova notizia in ambito medico destinata a creare speranze nella gente che soffre, ma l’eventualità di poter recuperare al meglio soggetti infartuati mediante una terapia a base di gel da iniettare, se confermata da ulteriori studi, aprirebbe la strada a nuove speranze di guarigione per i tanti cardiopatici sparsi nel mondo.

    Secondo il quotidiano britannico Dayly Mail una ricerca israeliana avrebbe individuato in un gel da iniettare direttamente in sito a livello del miocardio la cura del cuore dopo un infarto restituendo integrità al muscolo che verrebbe aiutato in questo dalla struttura solida del gel che proteggerebbe il cuore oltretutto preservandolo da nuovi attacchi. La cura oltretutto sarebbe esente da effetti collaterali in quanto, una volta espletato il suo lavoro, il gel essiccato verrebbe espulso per via renale.

    “Questa protezione – hanno detto gli esperti della BioLineRx Ltd – migliora la resistenza meccanica del muscolo cardiaco durante il recupero e la riparazione”, come pure ribadito dal professore Jonathan Leor, lo scienziato che ha testato il gel su un gruppo di pazienti al Neufeld Cardiac Research Institute di Tel Aviv, che ha dichiarato che il cuore danneggiato da un attacco cardiaco ha recuperato gran parte della sua funzionalita’ grazie al gel.

    Inoltre, ha precisato che questo nuovo strumento e’ sicuro oltre che efficace. “Non si tratta della rigenerazione del muscolo – ha detto Leor – ma funziona semplicemente facendo da cicatrice piu’ piccola”.

    272

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuoreInfartoNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI