Infarto: più grave, se è di mattina

Infarto: più grave, se è di mattina

Gli infarti più gravi, dagli esiti più devastanti per cuore e arterie sono quelli mattutini, che si verificano nelle prime ore del giorno

da in Malattie, News Salute, Ricerca Medica, Sistema-Cardiocircolatorio
Ultimo aggiornamento:

    L'infarto di mattina è più grave

    Non tutti gli attacchi di cuore sono uguali: se l’infarto è particolarmente “mattiniero” e colpisce nelle prime ore del giorno, secondo una recente ricerca, potrebbe essere più grave. Esito e gravità dell’infarto, almeno stando ai risultati della sperimentazione pubblicata sulla rivista Circulation Research, potrebbero dipendere anche dall’orario in cui si verifica l’attacco.

    Anche l’infarto ha le sue fasce orarie. In particolare, i danni peggiori al cuore e al sistema cardiovascolare sono la conseguenza di attacchi cardiaci che si verificano nelle prime ore della giornata, tra l’una e le cinque del mattino.

    Il ritmo circadiano detta i tempi dell’infarto, ma soprattutto dei suoi effetti. Infatti, come emerso anche da una precedente sperimentazione condotta su un gruppo di cavie da laboratorio, l’entità infartuale ha dimostrato di avere un legame stretto, una dipendenza circadiana sul tempo di occlusione coronarica.


    Appurata la dipendenza sui roditori, mancavano le conferme della presenza della stessa dinamica anche negli esseri umani. “Stavamo cercando di accertare se l’ora del giorno di un attacco di cuore influenzi la quantità di danni provocati o se questo sia un fenomeno riscontrabile solo nei roditori” ha osservato Jay H. Traverse, uno dei principali autori della ricerca, esperto in cardiologia presso il Minneapolis Heart Institute dell’Abbott Northwestern Hospital di Minneapolis.

    Il team di ricercatori a stelle e strisce, per scandire il ritmo dell’infarto e le “tempistiche” delle sue conseguenze, hanno analizzato il database relativo a 1.031 pazienti che avevano subito un infarto miocardico acuto, giungendo a una conclusione chiara. L’entità dell’attacco di cuore e dei suoi effetti è strettamente connessa all’epoca di insorgenza nell’arco della giornata.

    348

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieNews SaluteRicerca MedicaSistema-Cardiocircolatorio
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI