Infarto: il test per capire cosa indica il dolore al torace

Infarto: il test per capire cosa indica il dolore al torace

Presso l'Università di Marburgo è stato messo a punto uno specifico test, per capire se il dolore al torace indica il verificarsi di un infarto

da in Benessere, Cuore, Dolore, Infarto, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    dolore al torace

    Il dolore al torace non è dovuto sempre ai problemi di cuore. Non sempre è indicativo dell’approssimarsi di un infarto e anche per i medici è difficile valutarlo. Ma c’è una novità molto interessante sull’argomento. Si tratta di un test in cinque punti messo a punto presso l’Università di Marburgo e pubblicato dal “Canadian Medical Association Journal”.

    Il test in questione si basa sulla considerazione di cinque fattori fondamentali. Se se ne riscontrano almeno tre, molto probabilmente ci si trova di fronte ad un problema alle coronarie e quindi di fronte ad un caso di infarto. Il test si rivelerebbe molto utile, perchè spesso la diagnosi relativa ad un dolore al torace non è molto facile da mettere a punto. Bisogna infatti tenere conto del fatto che in modo particolare negli anziani e nei diabetici i sintomi delle malattie coronariche appaiono sfumati.

    Tra l’altro quel dolore che spesso si avverte al torace non è legato al cuore, ma può essere un dolore intercostale o che ha a che fare con il reflusso gastroesofageo.

    Tuttavia, se ci si trova in presenza di un dolore che si irradia da dietro lo sterno fino alla parte sinistra del torace e tende a coinvolgere anche le braccia, le spalle, la schiena e il collo, è molto alta la probabilità che si possa trattare di un infarto, specialmente se il soggetto presenta anche nausea, sudorazione e difficoltà nella respirazione.

    I sintomi a volte possono essere gli stessi che riguardano l’angina pectoris. Tuttavia in quest’ultimo caso il dolore passa dopo qualche minuto, nel caso dell’infarto invece il dolore aumenta. Meglio comunque intervenire in modo tempestivo, anche se si tratta di un falso allarme, per evitare conseguenze più gravi.

    355

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCuoreDoloreInfartoNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI