NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Infanzia: origine ereditaria nel tumore neurologico

Infanzia: origine ereditaria nel tumore neurologico

Il tumore neurologico, nei bambini, e' mortale nel 65% dei casi, una media che vale anche per altri tipi di cancro, ma c'e' una speranza nella scoperta di un legame con la genetica nel formarsi di questo tipo di carcinoma

da in Bambini, Neurologia, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Tumore_Infantile

    I bambini e il cancro sono una realta’ che, per la sua gravita’, non lascia molta speranza di scoperta o di ricerca medica, perche’ il bambino, quando si ammala di tumore, spesso soffre di forme cancerogene agressive, non potra’ guarire e non ci saranno cosi’ possibilita’ ne’ di salvarlo, ne’ di provare terapie che possono migliorare.

    Ma la ricerca medica non per questo si ferma, di fronte agli ostacoli: e’ recente la notizia di un nuovo studio, americano, che in fatto di tumori infantili ha scoperto che contro il neuroblastoma una speranza c’e’.


    L’èquipe di John Maris
    , che lavora per l’Universita’di Philadelfia, si e’ recentemente fregiata dell’onore di avere scoperto una mutazione genetica alla base della maggior parte dei casi di neuroblastoma infantile.

    Questo tumore sarebbe responsabile di circa il 15% delle morti per tumore dei bambini, che gia’ hanno una percentuale di mortalita’ del 60% dei casi in media. In questo caso la percentuale di mortalita’ e’ piu’ alta, circa il 65% dei bambini malati di tumore neurologico muore, a causa di forme agressive e fulminanti.

    Gia’ nel secolo scorso la letteratura medica parla di forme di tumore altamente legate al fattore genetico, come del resto per altri tipi di tumore, ma non era conosciuto il legame diretto tra questi tumori e il DNA.

    Per arrivare a questa scoperta e’ stato analizzato il genoma di circa 20 ceppi, sofferenti di cancro in famiglia, per valutare il tipo di mutazione genetica.

    E’ stata riscontrata in queste persone una “alterazione puntiforme al gene che regola la produzione del recettore ALK dell’enzima tirosina chinasi(1)”.

    1. LA STAMPA

    365

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniNeurologiaPrimo PianoRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI