Indigestione: cause, sintomi e rimedi

Indigestione: cause, sintomi e rimedi
da in Alimentazione, Digestione, Malattie, Stomaco
Ultimo aggiornamento: Martedì 21/04/2015 15:55

    indigestione sintomi e cureE’ un’eventualità da non sottovalutare se si mangia troppo, sia in termini di quantità sia di velocità, ma anche male: è l’indigestione. Si tratta di un disturbo caratterizzato da problemi di digestione, che si manifesta con sintomi precisi, come dolore, senso di nausea e vomito, ma non solo. Possono soffrirne adulti e bambini, senza troppe distinzioni. Per riconoscere l’indigestione, prevenirla e curarla, ecco qualche consiglio utile su cosa fare, i rimedi possibili e i segnali da non ignorare.

    I sintomi

    L’abuso di cibo o bevande e la conseguente indigestione non passano inosservati, anzi. Lo stomaco si fa sentire con forza, manifestando la propria sofferenza con alcuni sintomi chiari, come il mal di pancia, i dolori addominali, la nausea, il vomito, la sensazione di pancia piena, i bruciori, il gonfiore, la diarrea, la sensazione di malessere generale e il pallore.

    L’indigestione, perché?

    L’unico, o quasi, responsabile, in caso di indigestione, è il cibo. Questo disturbo si presenta puntualmente se si mangia troppo, con eccessiva velocità o se si sceglie di consumare pasti troppo pesanti.

    Infatti, l’indigestione è il risultato sì di abbuffate e di pasti consumati alla “velocità della luce”, ma anche del consumo eccessivo di alcuni alimenti o di determinate bevande, che interferiscono con il processo digestivo, rallentandolo e rendendolo più difficoltoso, come i cibi grassi o unti e le bibite gassate.

    Quindi, per evitare rischi e tenere a debita distanza il pericolo indigestione, meglio consumare pasti sani, senza eccessi in nessun senso: pochi condimenti, pochi grassi e quantità moderate. E’ importante anche dedicare all’alimentazione il giusto tempo, evitando di ingurgitare i cibi senza masticarli, o quasi. La masticazione deve essere meticolosa e precisa.

    I rimedi utili

    Cosa fare in caso di indigestione? Niente allarmismi, si tratta di un disturbo fastidioso, ma senza troppi rischi. Innanzitutto, è importante stare a riposo, in un luogo caldo e tranquillo, mantenendo sempre costante il livello di idratazione. Ottima allo scopo l’acqua o le bevande calde dal potere digestivo e lenitivo, come la camomilla e il decotto di liquirizia.

    Esistono alcuni farmaci specifici, dall’azione anti-acida, in grado di favorire la digestione e di alleviare i sintomi dolorosi.

    “Scampata” con successo l’indigestione, nei giorni successivi, meglio scegliere un’alimentazione liquida e “in bianco”, fatta di alimenti leggeri, facilmente digeribili, per permettere al sistema gastrointestinale di riprendersi ed evitare di appesantirlo ulteriormente.

    527

    LEGGI ANCHE