In arrivo la pillola per programmare il ciclo

In arrivo la pillola per programmare il ciclo

In arrivo una nuova pillola anticoncezionale che permetterà di programmare le mestruazioni a seconda delle esigenze personali, per programmare al meglio la propria vita

da in Ciclo Mestruale, Farmaci, Ginecologia, Pillola anticoncezionale, Pillola del giorno dopo, Sindrome-Premestruale
Ultimo aggiornamento:

    pillola programmare ciclo

    Una pillola per programmare il ciclo ed evitare gravidanze indesiderate. È questo il nuovo farmaco che stanno esaminando gli esperti dell’Agenzia Italiana del farmaco. Prima della commercializzazione del prodotto anche in Italia ci vorrà almeno un anno, anche se la pillola ha ricevuto già l’approvazione da parte European Medicines Agency. La pillola è indicata soprattutto per quelle donne che hanno disturbi gravi legati proprio al ciclo mestruale, come una sindrome premestruale con forti dolori o una polimenorrea collegata all’anemia.

    La nuova pillola anticoncezionale si pone l’obiettivo di risolvere alcuni inconvenienti legati soprattutto a quegli eventi in cui è fastidioso dover aver a che fare con le mestruazioni. Proprio mentre si avvicina il tempo delle vacanze, si comincia ad avere voglia di non dover essere infastidite dal ciclo proprio nei giorni di viaggio. Ed ecco che la nuova pillola si propone di essere risolutiva in questo senso.

    La pillola per programmare il ciclo va usata no – stop, per tutto l’anno, ma non sembra avere delle controindicazioni.

    A questo proposito la professoressa Rossella Nappi, docente di Clinica ostetrica e ginecologica dell’Università di Pavia, ha spiegato: “La nuova pillola consentirà alle donne di decidere quando avere il ciclo, permettendo di programmare al meglio la propria vita. Si tratta di un contraccettivo indirizzato a tutte le donne e che non presenta alcuna controindicazione dal punto di vista medico o fisiologico”.

    Da notare che la nuova pillola sarà venduta insieme ad un device elettronico, che si rivelerà molto utile per conteggiare le pillole che vengono via via assunte, in modo da sapersi regolare poi, con la sospensione del trattamento, con il ritorno del ciclo.

    Sono molti gli svantaggi collegati ai disturbi collegati con il ciclo mestruale. È stato ad esempio dimostrato che il ciclo mestruale abbondante determina molte assenze dal lavoro. Ma siamo comunque sicuri che le mestruazioni su misura con la nuova pillola anticoncezionale possano rappresentare l’ideale?

    Un recente sondaggio ha messo in evidenza che l’81% delle donne è favorevole alla programmazione delle mestruazioni, per fermarle nei momenti meno opportuni. Il 36% ha invece dichiarato che preferirebbe avere il ciclo soltanto ad una cadenza di tre mesi.

    Di certo salutare e senza dubbio da tenere in considerazione come possibile soluzione nel caso di particolari disturbi, siamo sicuri che le indicazioni terapeutiche della pillola vadano intese in senso stretto?

    461

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ciclo MestrualeFarmaciGinecologiaPillola anticoncezionalePillola del giorno dopoSindrome-Premestruale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI