Il sale è un trattamento adatto per l’infiammazione alle adenoidi e alle tonsille

Il sale è un trattamento adatto per l’infiammazione alle adenoidi e alle tonsille

Il cloruro di sodio, il classico sale da cucina, rappresenta una terapia importante per l’ipertrofia adenotonsillare subostruente, infiammazione delle vie respiratorie, delle adenoidi e delle tonsille

da in Apparato respiratorio, Bambini, Infiammazioni, Malattie, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    sale trattamento infiammazione adenoidi tonsille

    L’infiammazione alle adenoidi e alle tonsille può essere trattata con il classico sale. Ebbene si il comune cloruro di sodio, il sale da cucina, secondo uno studio italiano, è molto importante per curare patologie a carico delle prime vie respiratorie, delle adenoidi e delle tonsille. La malattia che causa un processo infiammatorio a carico di queste zone è l’ipertrofia adenotonsillare subostruente.

    Respirare l’aria contenente sale, come ad esempio al mare, viene da tempo suggerita dai medici per migliorare e trattare alcune patologie che colpiscono l’apparato respiratorio. La scoperta dell’utilità del cloruro di sodio anche per risolvere la malattia infiammatoria alle adenoidi e alle tonsille è il risultato di uno studio condotto dai ricercatori del reparto di Otorinolaringoiatria del Policlinico Universitario di Bari. L’ipertrofia adenotonsillare colpisce in particolar modo i bambini con un’età compresa tra i 3 ed i 10 anni, e provoca l’infiammazione delle tonsille, e conseguentemente un rigonfiamento delle adenoidi.

    Data l’importanza di una terapia basata sull’uso del sale, nel nostro Paese ed in quelli esteri, sono nate numerose “cliniche del sale”.

    Per studiare questo trattamento e confermare l’efficacia di questo prodotto naturale nei confronti delle infiammazioni sopra citate, è stato condotto un trial con i bambini. Questi ultimi sono stati fatti entrare in particolari stanze, con pareti costituite da salgemma (cloruro di sodio che si presenta sotto forma di cristalli cubici), e rendendo l’ambiente con importanti caratteristiche: ipoallergenico, con temperatura e umidità stabili. Inoltre attraverso aerosol (particelle fini) sono stati somministrati sodio e iodio ai bambini, come se avessero soggiornato al mare per tre giorni. Grazie a ciò è possibile aiutare i piccoli pazienti a difendersi dal processo infiammatorio che colpisce le vie respiratorie.

    361

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato respiratorioBambiniInfiammazioniMalattieRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI