Il partner meglio che funzioni anche per le altre

Il partner meglio che funzioni anche per le altre

L'esperienza di quanto avviene nel mondo animale ci induce a considerare valida anche per gli umani la condizione che porta il sesso femminile a fare certe scelte spesso mediate dalla preferenza delle amiche nella scelta del proprio partner

da in Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Amiche

    Sembrerebbe di primo acchito un controsenso e persino riduttiva la constatazione di quanto in realtà avvenga nei confronti della donna; sembrerebbe infatti che le donne vengano attratte non soltanto dalle qualità che un uomo esercita nei propri sensi, ma delle stesse informazioni che si scambiano con le amiche che se condivise, aiuterebbero a tessere con maggior facilità il rapporto.

    Dunque, se l’uomo in generale è un animale sociale lo sarà anche nei confronti dell’attrazione fisica e non solo vorrà condividere col proprio simile la soddisfazione di poter ricavare le stesse sensazioni piacevoli che derivano dalla conoscenza di un potenziale partner. Dunque è sempre meno probabile la donna isolata dal resto del consesso sociale a crogiolarsi sulle qualità dello spasimante di turno e molto più sicura la situazione che poi si verifica che l’accettare il corteggiamento di un uomo sia vissuto come un passaggio di informazioni con le amiche del cuore.

    Del resto è ciò che accade anche nel mondo animale, che privilegiano futuri compagni che somigliano a quelli scelti dalle compagne ed infatti pare che anche nel mondo umano si verifica qualcosa del genere, ovvero ha maggior senso affidarsi a ciò che funziona bene per le altre ragazze.


    Una situazione opposta a quella che avviene nel maschio dove la scelta del partner è mediata meno dalla consapevolezza di quanto siano condivise le qualità con il resto del gruppo.

    261

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN PsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI