Il nastro rosa: campagna di prevenzione per il tumore al seno

da , il

    LILT

    Il mese di ottobre e’ un mese ormai famoso per la campagna nazionale di prevenzione del tumore femminile; in particolare si e’ fatta portavoce di questa iniziativa la LILT, la Lega Italiana per La Lotta al Tumore.

    Ricordiamo in questa sede che la LILT non e’ una associazione privata, bensi’ un ente pubblico e il suo operato non ha fini di lucro.

    La prevenzione del tumore femminile e’ la sua prima forma di azione concreta in favore delle donne, alla quale si uniscono l’azione di campagna culturale contro il tumore e la continua azione di sensibilizzazione e di lavoro per una normativa che preveda curricularmente l’aiuto al malato di tumore e il sostegno alla famiglia del malato di cancro.

    Anche nel 2007 la LILT si e’ data il nobile scopo di promuovere il mese di sensibilizzazione al tumore al seno, con la Campagna il Nastro Rosa, che fu ideata nel lontano 1999 negli USA ed esportata in tutto il mondo.

    L’informazione precoce sullo sviluppo del tumore alla mammella permette ogni anno di salvare la vita a 50.000 persone all’anno, che fanno parte delle 500.000 che ogni anno effettuano i controlli di prevenzione promossi da LILT. “Ecografia e mammografia sono mezzi diagnostici fondamentali” – ha commentato il presidente nazionale della LILT – ” La diagnosi precoce e’ l’unico metodo efficace per combattere il cancro al seno.” La LILT lavora in Italia tramite i suoi 391 laboratori dislocati su 103 sezioni provinciali, che sono degli organismi i quali hanno una autonomia di operato.