NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Il kofta, la ricetta vegan

Il kofta, la ricetta vegan
da in Ricette benessere
Ultimo aggiornamento:

    Kofte

    Il kofta è una polpetta di origine mediorientale fatta con carne e spezie, ed in questa ricetta vi spieghiamo come preparare la versione vegan di questo gustoso piatto. Il kofta, originaria principalmente della Turchia, è una polpetta fatta di carne di agnello o di bovino e agnello, spezie come timo, pepe, cumino, aglio, peperoncino e menta e servite su uno spiedino o avvolte da una pita e condite con della salsa yogurt. In Turchia sono considerate un ottimo cibo da strada, da consumare mentre si passeggia oppure durante la pausa pranzo.

    Ovviamente, per chi segue una dieta vegana o vegetariana, la carne è assolutamente “off-limits”.
    Per questo abbiamo deciso di proporvi una ricetta completamente priva di derivati animali, ma lo stesso gustose come quelle originali.
    Per farlo, abbiamo sostituito la carne di agnello con i ceci, un’ottima alternativa a qualsiasi tipo di carne in quanto ricchissimi di proteine.

    I ceci sono i semi della pianta del cece, un antichissimo legume di origine turco che rappresenta uno dei legumi più consumati al mondo, specialmente nelle zone medio orientali come Turchia, Egitto, Israele, Libanoe nella grande India.
    Il cece rappresenta un perfetto sostituto della carne, grazie ai suoi preiziosi nutrienti.
    Infatti i ceci sono composti per la maggior parte di proteine (ben il 20%), per il 18% di fibre vegetali, per il 10% di acqua e solo per il 10% da zuccheri e carboidrati.
    Contengono minerali importanti come calcio, forsforo, ferro, magnesio e potassio e vitamine fondamentali come la vitamina A, le vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6), la vitamina C e le vitamine E, K e J.
    Troviamo in abbondante quantità aminoacidi come l’arginina e il triptofano.

    Grazie alle sue sostanze nutritive, il cece vanta diverse proprietà benefiche, tra le quali è in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo LDL nel sangue e regolarizzare quello buono HDL, proteggendo le arterie e il cuore da patologie anche gravi.
    Questo perchè nei ceci troviamo un’abbondante quatità di magnesio e folato, che riportano il colesterolo ai giusti livelli prevenendo la possibilità di avere infarti o ictus.
    Mentre l’abbondanza di magnesio agisce positivamente sulla circolazione del sangue ripristinando il giusto equilibrio della pressione arteriosa, insieme al potassio.
    A completare l’opera sono gli Omega 3, che abbassano i trigliceridi, i grassi del fegato, e apportano benefici all’apparato cardio-circolatorio.
    Ma i ceci si rivelano utili anche in caso di diabete: di fatti, gli zuccheri presenti nel cece vengono assorbiti molto lentamente dal nostro organismo, mantenendo stabile il livello di glicemia.

    I ceci vantano anche una buona quantità di fibre solubili, che regolarizzano il lavoro dell’intestino contrastano la stitichezza.

    Inoltre riportano al giusto livello il glucosio, saziando così la cosiddetta “fame nervosa“.
    Ma le fibre contribuiscono anche all’abbassamento del colesterolo cattivo. Questo perchè le fibre fanno sì che il colesterolo venga portato via dal sangue prima che venga assorbito dall’intestino.
    In questo modo il colesterolo finisce direttamente tra i “rifiuti”da espellere.

    Nei ceci troviamo una buona quantità di antiossidanti, sostanze che contrastano il proliferare dei radicali liberi rallentando significativamente il processo di invecchiamento cellulare.
    In questo modo, ogni cellula del nostro corpo rimane più giovane e più a lungo, evitando la formazione di malattie legate all’invecchiamento e l’insorgere di tumori.

    Le sostanze contenute nei ceci, in particolar modo il “molibdeno”, agiscono sul cavo orale prevenendo la formazione di carie.
    Inoltre, ferro, calcio, magnesio e vitamina K aiutano la formazione delle ossa, specialmente in età di sviluppo, e le mantengono forti e in salute: è scientificamente provato che una carenza di vitamina K rende le ossa più fragili, aumentando così il rischio di lesioni e fratture.
    Per concludere, i ceci agiscono positivamente anche sul fegato, prevenendo e combattendo patologie come l’epatite e la cirrosi.

    Calorie per porz. 70
    Ingredienti per 2 persone

    400gr di ceci cotti
    1 tazza di pangrattato
    1 cipolla rossa piccola
    2 spicchi di aglio
    2 cucchiaini di cumino
    1 pizzico di zenzero in polvere
    1 pizzico di pepe di Cayenne
    1 piccolo mazzezzo di menta fresca
    il succo di mezzo limone
    sale e pepe

    Preparazione

    1. Preriscaldare il forno a 220°.
    2. Ungete leggermente di olio una teglia da forno.
    3. Unite tutti gli ingredienti in un mixer o un robot da cucina e frullate alla massima potenza per un paio di minuti, finchè non otterrete un composto compatto e senza grossi grumi.
    4. Formate con l’impasto delle polpette lunghe e strette e infilzatele con uno spiedino o uno stecco di legno.
    5. Disponete gli spiedini sulla teglia oleata, spennellateli leggermente di olio e infornateli per circa 15 minuti.
    6. Sfornateli e lasciateli intiepidire leggermente prima di servire.
    7. Potete servire i kofta con della ottima salsa a base di yogurt di soia oppure avvolti da un’ottima pita.

    949

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ricette benessere
    PIÙ POPOLARI