Il concetto di bellezza si modifica con l’età

Il concetto di bellezza si modifica con l’età

Con l'età si modifica il concetto di bellezza

da in Benessere, Chirurgia estetica, Estetica e Trattamenti, Rughe
Ultimo aggiornamento:

    bellezza viso

    Con l’età si modifica il concetto di bellezza. Questo emerge da una recente indagine condotta Beauty for Life in collaborazione con le società americane di chirurgia estetica Asaps (American Society for Aesthetic Plastic Surgery) e Asps (American Society of Plastic Surgeons). Il volto sembra essere la prima parte del corpo a trasmettere i segni dell’invecchiamento ed è per questo in cima alle preoccupazioni delle donne.

    Il 45% delle ventenni, il 42% delle quarantenni e il 50% di 50-60enni temono di apparire invecchiati sul viso. Fanno eccezione solo le trentenni che si dicono attente più a fianchi e addome. Tutte vogliono una pelle liscia e senza rughe ma cambiano i motivi: per le ventenni, un volto fresco vuol dire possibilità di conoscere nuovi partner, per una trentenne su tre significa più successo nel lavoro, mentre la stragrande maggioranza delle sessantenni (quasi l’80 per cento delle intervistate) è convinta che un viso curato e giovane possa accrescere la propria autostima.


    “Anche per le italiane il volto è la zona più importante del corpo
    -spiega Patrizia Gilardino, chirurgo estetico milanese, membro dell’American Society of Plastic Surgery e della Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica (Sicpre)-. È il primo biglietto da visita quando ci rapportiamo con gli altri: pelle non curata, occhi stanchi con occhiaie e rughe più o meno profonde possono rappresentare un ostacolo delle normali relazioni. L’attenzione posta alla zona del viso si trasforma in interventi mirati di medicina e chirurgia estetica”.

    297

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereChirurgia esteticaEstetica e TrattamentiRughe
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI