Il batterio killer può essere individuato con rapidità con un nuovo sistema

Il batterio killer può essere individuato con rapidità con un nuovo sistema

È stato messo a punto un sistema innovativo, che permette di individuare in tempi brevi la presenza di eventuali batteri patogeni sui cibi, in modo da intervenire con rapidità in nome della sicurezza alimentare

da in Batteri, Infezioni, Mangiar Sano, News Salute, Primo Piano, Sicurezza alimentare
Ultimo aggiornamento:

    batterio killer sistema

    Il batterio killer può essere individuato con rapidità con un nuovo sistema. Si tratta di un metodo innovativo che è stato ideato grazie al lavoro svolto dal Parco Tecnologico Padano di Lodi, in collaborazione con il Cnr e l’Istituto Superiore di Sanità. Una soluzione che potrebbe evitare di trovarsi ad avere a che fare con parecchie vittime, come è accaduto a causa della recente epidemia di Escherichia coli.

    Il batterio killer può essere considerato come l’ennesimo caso delle emergenze alimentari, che hanno gettato nel panico i consumatori. Nel momento in cui si è scoperto che la causa del batterio killer è costituita dai germogli di fagioli, l’allarme sarebbe dovuto rientrare, ma qualcuno preferisce mantenere un atteggiamento di prudenza.

    In effetti giungono informazioni ancora incerte: a causa del batterio killer sono sotto accusa altri 3 germogli.

    La soluzione innovativa permetterebbe di intervenire tempestivamente e di fermare i prodotti contaminati. Davide Ederle, del Parco Tecnologico Padano di Lodi, a questo proposito spiega:

    Anziché ricorrere al trattamento di un estratto delle foglie dei vegetali per poi far crescere su un vetrino i batteri da esaminare al microscopio, cosa che può richiedere anche una settimana, noi siamo in grado di esaminare foglie, radici, terreno, feci animali o quant’altro provenga dal luogo che si reputa contaminato e analizzarne il dna, ottenendo in 48 ore un verdetto su quali ceppi di Escherichia siano presenti, se patogeni oppure no.

    La sicurezza alimentare non è affatto una questione su cui si può agire con leggerezza, ecco perché secondo gli esperti il nuovo sistema di analisi andrebbe applicato per tenere sotto controllo l’intera filiera dei prodotti ortofrutticoli.

    348

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BatteriInfezioniMangiar SanoNews SalutePrimo PianoSicurezza alimentare
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI