Igiene: tastiere, scrivania e telefono, più sporche del WC

Non è che proprio si muoia stando al computer mentre si mangia, però

da , il

    Non è che proprio si muoia stando al computer mentre si mangia, però.....

    Leggete questo articolo durante la pausa pranzo, e siamo sicuri che alla fine, avremmo contribuito a farvi osservare la dieta che vi siete imposti, per il semplice fatto che non siamo più certi che continuerete a ingurgitare il vostro appetitoso snack. Non ci credete? Allora continuate a leggere questo articolo; dicevamo, siete in pausa pranzo,sempre affaccendati come siete, avete scelto, stavolta, di “sgranocchiare” il vostro panino continuando a smanettare davanti il vostro computer, del resto il “capo” esige la vostra relazione entro la giornata e voi siete maledettamente indietro col lavoro.

    Ebbene…. sappiate allora che, state facendo la cosa più antigienica che possiate compiere… state, insomma, creando le condizioni, tutte, per permettere a milioni di germi, alcuni anche patogeni, di essere ingurgitati insieme col vostro succulento boccone. Come? Semplicissimo,da una parte sorreggete la vostra gustosissima mafaldina imbottita al meglio, prosciutto e formaggio, ad esempio, ma il menù non conta…. con l’altra mano digitate sulla tastiera, poi, quando vi stancherete, trasferirete il vostro panino nell’ altra mano e con quella libera continuerete a digitare. Risultato, la colonia di germi, adesso è dentro di voi, profondamente in voi, intimamente in simbiosi con voi stessi, pronta a colonizzare il vostro corpo e, fra virus e batteri…. son dolori!

    Il gabinetto? Sorprendentemente più pulito della vostra tastiera

    Stiamo esagerando? Ma che dite…. continuate a leggere e… vedrete. Secondo un’ indagine condotta in America, la tazza del gabinetto, normalmente pulita, contiene una carica batterica inferiore di 400 volte rispetto alla stessa carica che è presente sulle tastiere, anche le vostre, nonostante siate rinomati per la vostra pulizia maniacale che vi contraddistingue. Ciò significa che avreste corso minori rischi a mangiare il vostro panino con le mani all’ interno del water, piuttosto che farlo, mentre continuate a digitare. Incredibile….ma poi…. mica tanto, visto che un semplice tasto del pc è più virulento del water di casa vostra.

    La riprova? Secondo una delle massime autorità in campo microbiologico, lo statunitense, Charles Gerba, circa 3.300 germi, per pollice quadrato, albergano nella tastiera e, ad ogni contatto con i polpastrelli, migrano dai tasti alle vostre dita, raggiungendo tutto ciò che toccheremo successivamente… panino compreso. Alcuni di questi, poi, sono anche responsabili di serie malattie. A dare maggior peso alla cosa, la constatazione di quanto sia vero questo studio, ce la da l’ evidenza che è sufficiente un solo collega “influenzato o raffreddato” che si ostina a lavorare al suo pc, perchè, potenzialmente, i suoi colleghi di stanza, nel corso di 72 ore, vengano contagiati dalla stessa sua affezione. Dunque, diffidate di colleghi “influenzati” che cercano di aiutarvi a scrivere la relazione al posto vostro usando la vostra tastiera. In verità, l’infido collega, vuole contagiarvi i suoi stessi virus, o i famelici batteri di cui è portatore e desidera soltanto che vi mettiate a letto con la febbre.

    Quanti strumenti infetti in ufficio

    E che l’ufficio sia l’ambiente cui tutto si può dire, meno che sia salubre, lo dimostra un altro esempio, pensate alla cornetta del telefono, in fatto di carica batterica e virale, 25.127 per pollice quadrato, le supera proprio tutte, addirittura di ben otto volte quelle della tastiera, immaginate che lerciume alberga in essa e non parliamo di telefoni pubblici, ormai relegati alle pagine della storia antica, ma della tranquillizzante cornetta che sta davanti il vostro naso e che il solito collega zelante vi porge ammiccante, un motivo di più per finire a letto, non con lui, ma con la febbre, nessun pensiero licenzioso ci veniva in mente, tranquilli…. Sarà per questo che si sono diffusi i cellulari?

    Consolatevi, molto meglio la nostra scrivania, anche se non siamo esaltati del pulito ad ogni costo, sulla scrivania pullulano, come gitanti ad un pic nic, qualcosa come 21.000 ospiti non proprio desiderabili per pollice quadrato; non c’è che dire, il nostro ufficio…. è proprio “Una fogna a cielo aperto”.

    Quanto pesano i nostri computer…..

    E, adesso, vediamo un altro aspetto della vicenda….un tantino più tranquillizzante ma, anche in questo caso, il dato è sorprendente.

    In un anno, ciò che si annida nelle tastiere degli uffici britannici è spaventoso; 300 quintali di un miscuglio costituito, per oltre il 30% da residui alimentari, briciole di pane, residui di crackers, di caramelle, di ciocolattini, Corn Flakes, roba da sfamare il…. terzo mondo!!

    Il restante, pur se non commestibile, è spaventosamente curioso, visto che restano intrappolati sotto i tasti, punti per spillatrici, rivestimenti e mine per matite, scoth, carta, capelli e, addirittura, insetti e, persino peli di pube…. Lasciamo alla fantasia di ognuno, la spiegazione del rinvenimento di questi sorprendenti reperti, anch’ essi intrappolati nella tastiera. Non ci credete? peccato… è scientificamente provato!

    Sciocco stilare certe classifiche? Non tanto, perché gli esperti, limitatamente ai residui alimentari, hanno stilato il tipo di dieta praticata dagli impiegati in ufficio, ammonendo quest’ ultimi sul rischio di un regime alimentare, dagli stessi seguito per la maggior parte dell’ anno, pericolosamente ipercalorico, ricco di grassi e saturo di zuccheri, insomma, la dieta seguita in ufficio fa male alla salute, più di quanto faccia male… lavorare!

    Bene e detto questo, ricordando la vostra tastiera sulla quale avete agito anche per leggere questo…. articolo, avete poi finito di sgranocchiare il vostro panino?