Igiene: “parare” tosse e starnuti correttamente

Igiene: “parare” tosse e starnuti correttamente

Starnuto in arrivo? Evitate che i germi se ne vadano a spasso a contagiare qualcuno, ma mi raccomando niente mano sulla bocca, sarebbe peggior: gli esperti ricordano di usare il gomito piegato

da in Benessere, Contagio, Igiene, Infezioni, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Come starnutire

    Uno starnuto espelle saliva, muco, virus e batteri, globuli bianchi, che vengono inglobati in goccioline: a ogni “esplosione” se ne disperdono più di 20 mila, che viaggiano a oltre 150 km orari e restano sospese in aria a lungo. Una vera bomba contagiosa. Un colpo di tosse non ha la stessa potenza, ma il rischio di trasmettere germi e virus persiste.

    Il bon ton, certo, insegna a “parare” tosse e starnuti, ma siete certi di farlo nella maniera corretta? Secondo una ricerca neozelandese, 3 persone su 4 lo fanno in modo sbagliato, diventando una fonte inconsapevole di contagio, semplicemente perché quando starnutiscono o non si coprono la bocca o, spesso, lo fanno con le mani. Gli studiosi lo hanno rilevato osservando la gente in varie situazioni quotidiane, a una stazione ferroviaria, in ospedale, al centro commerciale e tutti usavano le mani.

    Ma bloccare uno starnuto con le mani è sbagliato ed è facile capire perché: i germi finiscono proprio per depositarsi lì, pronti a essere trasmessi alla prima stretta di mano e da lì arrivare facilmente alla bocca o al naso (quante volte anche inconsapevolmente ci si tocca naso e bocca con le mani non pulite). Del resto le ultime campagne di prevenzione igienica, tanto pubblicizzate in occasione del rischio contagio di influenza suina, puntavano molto l’attenzione sull’igiene delle mani. Eppure evidentemente sono state dimenticate in fretta.

    Allora come bisogna comportarsi? Se si vuole continuare a usare le mani, è buona norma difendere anch’esse con un fazzoletto che, una volta chiuso e gettato, elimina il rischio di contagio. Se però lo starnuto arriva all’improvviso, ecco il suggerimento dei ricercatori della Otago University: coprirsi la bocca e il naso con il gomito piegato.

    349

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereContagioIgieneInfezioniNews Salute
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI