Igiene delle mani: linee guida per prevenire le infezioni [VIDEO]

Igiene delle mani: linee guida per prevenire le infezioni [VIDEO]

L’igiene delle mani deve essere preservata, seguendo delle particolari linee guida per prevenire le infezioni

da in Igiene, mani
Ultimo aggiornamento:
    Come lavarsi correttamente le mani

    L’igiene delle mani è fondamentale per prevenire le infezioni. Esistono a questo proposito delle specifiche linee guida da seguire, per evitare che il problema possa trasformarsi in qualcosa di più grave. Salvaguardare la salute, da questo punto di vista, è davvero importante. Puntare sulla prevenzione è la strategia essenziale. D’altronde, attraverso le mani, ci mettiamo in collegamento con il mondo esterno e per questo è nostro dovere preservare l’organismo dall’attacco di germi e batteri, i quali sono responsabili di diverse malattie. Vediamo insieme le regole da seguire.

    Quando lavarsi le mani

    Le mani vanno lavate non solo quando ci si accorge del fatto che siano sporche. Ci sono delle occasioni in cui l’igiene va portata avanti, indipendentemente dallo sporco visibile. Bisognerebbe lavare le mani ogni volta che si entra in casa, prima di toccare qualsiasi oggetto domestico.

    Essenziale è badare all’igiene prima della consumazione dei pasti e dopo essersi soffiato il naso. In quest’ultimo caso lavarsi le mani significa anche prestare attenzione al rispetto di chi verrà a contatto con noi, perché possiamo essere portatori di germi.

    Ma ci sono anche altre occasioni in cui non ci si deve dimenticare di quanto sia importante lavarsi le mani, per allontanare il pericolo delle infezioni.

    E’ importante farlo dopo essere stati in locali frequentati da molta gente, come metropolitane, ospedali, stazioni, aeroporti o bagni pubblici e dopo aver accarezzato cani, gatti o altri animali.

    Da non dimenticare che le mani devono essere pulite, prima di procedere a disinfettare una ferita.

    La procedura corretta

    Non basta semplicemente lavarsi le mani con l’acqua, perché ci sono dei principi da seguire assolutamente, per una pulizia più accurata. Bisognerebbe togliersi gli anelli, i bracciali e gli orologi, in modo da poter raggiungere ogni angolo di pelle. E’ importante scegliere un giusto sapone, preferibilmente quello in forma liquida. La tradizionale saponetta, difatti, può essere attaccata dai germi, quando viene riposta sul lavandino.

    L’acqua da usare dovrebbe essere calda, perché alcuni batteri non riescono a resistere al calore. Un lavaggio corretto implica di insaponare le mani e di strofinare tutte le superfici, compresi il palmo e il dorso, i polsi, gli spazi fra le dita e le porzioni di pelle che si trovano sotto le unghie. Il tutto dovrebbe durare almeno 20 secondi. Poi si dovrebbe risciacquare con acqua abbondante e le mani dovrebbero essere asciugate accuratamente.

    In mancanza di un asciugamano pulito, come accade, ad esempio, nei bagni pubblici, si possono utilizzare dei tovaglioli di carta usa e getta o i distributori automatici di aria calda.

    505

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Igienemani
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI