Ictus: la fibrillazione atriale aumenta il rischio

Ictus: la fibrillazione atriale aumenta il rischio

Dato i numeri elevati; per quanto riguarda le persone con fibrillazione atriale che rischiano l'ictus, è stata promossa una campagna di sensibilizzazione

da in Cuore, Ictus, Malattie, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Ictus-fibrillazione

    A Stoccolma si è svolto il Congresso europeo di Cardiologia, che ha lanciato la campagna “1 Mission 1 Million”, con il fine di presentare idee e progetti per aumentare la conoscenza del crescente rischio di ictus legati alla fibrillazione atriale. Con gli ultimi dati e aggiornamenti si vuole migliorare le metodiche di cura e terapia di tale patologia. Questo allarmismo è dovuto ai dati statistici che sono stati divulgati: ogni anno, circa tre milioni di persone nel mondo sono colpite da ictus dovuto a fibrillazione atriale.

    Le persone affette da tale patologia presentano un rischio cinque volte superiore nello sviluppare l’ictus. Tre ictus su quattro dovuti a fibrillazione atriale possono essere prevenuti, ma molte persone non ne sono consapevoli e non agiscono tempestivamente.

    Purtroppo la maggior parte delle persone non si rendono conto o non ne sono a conoscenza del rischio che corrono legato all’ictus dovuto a fibrillazione articolare. Il professore Roberto Ferrari, direttore della clinica cardiologica dell’Università di Ferrara sottolinea, appunto, l’importanza nell’investire e nell’impegnarsi per portare avanti tale campagna.

    Questa campagna è sostenuta da medici e organizzazioni di pazienti, tra cui ricordiamo World Hearth Federation (WHF), Atrial Fibrillation Association (AFA), AntiCoagulation Europe (ACE), e la Stroke Alliance For Europe (SAFE). Ci si sta impegnando a fondo per ottenere la migliore diagnosi precoce in questo campo per un numero sempre maggiore di pazienti, inoltre queste iniziative oltre a migliorare la qualità della vita, riducono i costi a carico dei servizi sanitari mondiali.

    301

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuoreIctusMalattieNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI