I vantaggi per la salute delle energie rinnovabili

I vantaggi per la salute delle energie rinnovabili
da in Benessere, Inquinamento
Ultimo aggiornamento:

    energie rinnovabili

    Le energie rinnovabili stanno prendendo sempre più piede, complice una rinnovata sensibilità nei confronti dell’ambiente che spinge un numero crescente di privati e aziende in tale direzione. I vantaggi dell’energia derivante da fonti inesauribili come il sole, il vento, l’acqua, sono innumerevoli non solo dal punto di vista ambientale ed economico ma anche sotto il profilo della salute. Rispetto all’energia da combustibili fossili coinvolta nei processi di inquinamento, le fonti di energia rinnovabile risultano localmente sostenibili e non hanno ricadute negative sullo stato psicofisico dell’individuo.

    Le sostanze inquinanti derivate dall’impiego di combustibili fossili come petrolio, carbone, gas naturale, oltre a essere dannose per l’ambiente, lo sono anche per la nostra salute. Si ritiene infatti che aumentino le probabilità di contrarre malattie polmonari, cardiache, oncologiche, per non parlare di vari disturbi neurologici. Inoltre le emissioni inquinanti coinvolte in moltissime morti premature nel mondo, secondo diverse ricerche proverrebbero in gran parte dal settore energetico da combustione di risorse fossili. Basti pensare, dati alla mano, che il 61% degli ossidi di azoto immessi nell’aria nel 2015 dipendevano dall’uso del petrolio. Per non parlare dei gravissimi danni alla salute provocati dall’impiego di apparecchiature obsolete per bruciare le biomasse.

    Le energie rinnovabili, rispetto alle energie da combustibili fossili, comportano vantaggi a 360 gradi:

    - sono inesauribili
    - hanno un impatto ambientale e sanitario molto inferiore
    - producono enormi quantità di energia tramite impianti che non necessitano di tecnologie complesse
    - non producono sostanze nocive per la salute

    Si stima che se le fonti rinnovabili venissero raddoppiate entro il 2030, le emissioni nocive dovute a sostanze inquinanti come l’ammoniaca, il particolato, il biossido di zolfo, risulterebbero ridotte drasticamente così come i costi sanitari correlati all’inquinamento.

    La Politica energetica europea si sta già muovendo in un’ottica rinnovabile offrendo precise linee guida per le aziende operanti nel settore, che oggi più che mai sono chiamate a dare il buon esempio. Enel ha anticipato questo mutamento di prospettiva grazie all’innovativo progetto Futur-E. Attenta ai cambiamenti in atto e mossa dalla volontà di abbracciare un nuovo paradigma energetico, la storica azienda ha deciso di riconvertire 22 impianti non più in uso per destinarli ad aziende potenzialmente interessate dopo una scrupolosa selezione che privilegerà i progetti più all’avanguardia in un’ottica eco-sostenibile. A beneficio della comunità che risulta coinvolta, in modo responsabile, in questa transizione epocale, ma anche della salute del pianeta e di chi ci abita.

    Contenuto di informazione pubblicitaria

    493

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereInquinamento
    PIÙ POPOLARI