I rimedi naturali per il colon irritabile

Il colon viene definito irritabile perché è associato ad una sensazione di fastidio addominale e talvolta irritazione alla regione ano-rettale, gonfiore e alterata funzione intestinale. Pur essendo una malattia a decorso benigno, può compromettere in maniera rilevante la qualità della vita. Pertanto, è importante cercare sollievo con alcuni semplici ma indispensabili rimedi.

da , il

    Quali sono i migliori rimedi per il colon irritabile? La sindrome del colon irritabile, spesso confusa con la colite, è purtroppo molta diffusa, specialmente fra le donne. Le cause sono ancora poco chiare ma alcune ricerche confermano il legame con la predisposizione genetica che, in questo caso, determinerebbe una maggiore sensibilità intestinale. I sintomi più frequenti vanno dal mal di pancia alla diarrea, dalla stitichezza ai crampi di varia intensità. Per curare il disturbo, la prima regola è curare lo stile di vita, orientandolo verso un’alimentazione equilibrata, che preveda la diminuzione, se non addirittura l’eliminazione, di alcuni cibi a rischio. Oltre a questo, inoltre, sono disponibili tutta una serie di rimedi naturali per allevare il problema. Vediamoli tutti.

    Fitoterapia

    Considerando che la sindrome del colon irritabile è spesso conseguenza di ansia e stress, un valido aiuto può arrivare dalla fitoterapia, ovvero da tutte quelle erbe ad azione calmante e sedativa, in grado di aiutare il soggetto a reagire positivamente allo stress fisico e psicologico.

    Tra i principali rimedi fitoterapici per il colon irritabile possono citarsi piante come la camomilla, la melissa, la valeriana, il tiglio, la passiflora e la rodiola rosea. Il loro consumo può essere ottimale se assunti sotto forma di tisana o di compresse, facilmente reperibili in erboristeria.

    Fermenti lattici

    I fermenti lattici sono uno dei principali rimedi per il colon irritabile. Questi microrganismi sono in grado di ristabilire la funzionalità intestinale, agendo beneficamente sulla flora batterica. Inoltre, aiutano il colon nell’assorbimento di alcune vitamine fondamentali, come le Vitamine B, le Vitamine PP, K, C, A, l’acido pantotenico, l’acido folico e il ferro.

    I fermenti lattici si possono acquistare in tutte le farmacie, comprese quelle presenti nei grandi ipermercati, e nelle erboristerie. In commercio possono trovarsi anche i probiotici, con un rivestimento proteico resistente, che permette che arrivino integri al colon senza disperdersi lungo il tragitto.

    Carbone vegetale

    Nel caso si soffra di gonfiore e dolore addominale, può essere utile l’assunzione del carbone vegetale, un adsorbente intestinale che agisce contro i gas intestinali. In presenza di disordini intestinali, è infatti importante che l’intervento non si limiti alla riduzione dei sintomi che colpiscono l’addome, ma che si attivi il ripristino della microflora batterica danneggiata nel suo equilibrio e al miglioramento della peristalsi intestinale.

    Il carbone vegetale può essere assunto in comode compresse. Per la posologia si consiglia di attenersi a quanto scritto sulla confezione o chiedere consiglio al proprio medico.

    Semi di finocchio

    I semi di finocchio sono molto indicati in caso di colon irritabile perchè sono in grado di ridurre lo spasmo intestinale e aumentare la motilità dell’intestino tenue. Inoltre, alleviano il gonfiore addominale e agevolano la digestione se consumati dopo il pasto.

    In genere, il miglior metodo di assunzione è la preparazione di una tisana rilassante, tenendo i semi di finocchio in infusione per almeno 10 minuti circa. Sarà poi necessario filtrare la bevanda prima di berla.

    Farina di carruba

    La farina di carruba è un valido rimedio contro il colon irritabile, grazie all’alta concentrazione di fibre, pectine, cellulosa e polifenoli. Questa polvere svolge, infatti, una funzione regolatrice della motilità intestinale attenuando sintomi come meteorismo e dolore addominale, ma anche diarrea, disturbi gastrointestinali e stipsi.

    La presenza di pectine vanta un’azione di riduzione della distensione addominale perchè in grado di assorbire grandi quantità di liquidi, dalle 50 alle volte il suo peso. Inoltre, previene l’acidosi metabolica e il mal di pancia.

    Aloe vera

    L’aloe vera è una pianta il cui gel è un anti-infiammatorio e regolatore delle funzioni intestinali, inoltre ha la capacità di rigenerare i tessuti dall’interno. Tuttavia, è bene porre particolare attenzione ad usare l’aloe vera per curare il colon irritabile perchè il succo ha un’azione lassativa, pertanto è indicato maggiormente in caso di stipsi. L’uso eccessivo e prolungato nel tempo, poi, può scatenare gastrite, coliti, diverticoli, appendiciti e dolori addominali in genere.

    Cannella

    La cannella è un’ottima pianta carminativa per curare il colon irritabile, perchè possiede importanti attività antimeteoriche. Inoltre, l’olio essenziale di cannella contiene aldeide cinnamica ed eugetolo, che svolgono un’azione astringente, utile in caso di diarrea. Ma l’uso della cannella è anche particolarmente consigliato perchè inibisce le endotossine lipopolisaccaridiche batteriche dell’intestino.

    Argilla

    L’uso dell’argilla è particolarmente indicato per trattare i disturbi che affliggono l’apparato gastro-intestinale, quali gonfiore e tensione addominale, dolore, stipsi o diarrea; più in generale, l’argilla è particolarmente indicata per la sindrome del colon irritabile. È infatti una sostanza in grado di assorbire i gas intestinali e ridurre il meteorismo, inoltre è conosciuta per le proprietà antisettiche e battericide.

    Continua idratazione

    Se si soffre della sindrome del colon irritabile, il consiglio medico è quello di bere molto ogni giorno, almeno due litri d’acqua. Sarà anche possibile idratarsi con l’aiuto di altre bevande non irritanti, come tè, tisane e orzo. Da evitare assolutamente, invece, il consumo di acqua gasata, così come altre bevande gasate, caffè, alcolici e superalcolici.

    Limone e acqua al mattino

    Bere acqua e limone al mattino porta dei benefici intestinali non indifferenti anche in chi soffre di colon irritabile. Questa bevanda è in grado di depurare il corpo da scorie e tossine, che si accumulano sulle pareti dell’intestino ogni giorno. Il limone con l’acqua calda, si comporta quindi da disincrostante naturale, in grado di ripulire l’intestino.

    Eliminare lo stress e seguire orari regolari

    Lo stress e l’abitudine a consumare pasti frettolosi, e a qualunque ora, sono grandi nemici del benessere intestinale. Una regola d’oro per migliorare la digestione ed allontanare il rischio del colon irritabile è quella di mangiare lentamente e in ambiente sereno, masticando con calma ogni boccone.

    È quindi importante abituarsi a consumare tre pasti leggeri e due spuntini, ogni giorno rispettando soprattutto degli orari fissi. La regolarità aiuterà le funzioni intestinali e ne ripristinerà l’equilibrio.