I rimedi naturali per combattere il bruciore di stomaco

I rimedi naturali per combattere il bruciore di stomaco

Ecco come contrastare la spiacevole sensazione di acidità allo stomaco

da in Pazienti.it: l'esperto risponde, Stomaco
Ultimo aggiornamento:

    I rimedi naturali per combattere il bruciore di stomaco

    Il bruciore di stomaco è un disturbo molto comune, causato da diversi fattori. Importante è riconoscerne l’origine e trattarlo correttamente. Come fare? Rivolgersi a uno specialista è sempre una scelta giusta. Abbiamo chiesto al dr. Mario Verta, specialista in Gastroenterologia Endoscopia Digestiva, cosa fare per ritrovare il giusto equilibro gastro-intestinale.

    Il bruciore di stomaco è correlato quasi sempre all’azione dell’acido gastrico, ma anche una riduzione delle difese di parete della mucosa gastrica possono giocare un ruolo importante. In alcuni casi, il sintomo è provocato dal reflusso biliare che dal duodeno raggiunge lo stomaco e la bile e può avere effetti lesivi, come e talvolta più dell’acido. Spesso, impropriamente si definisce bruciore di stomaco un sintomo correlato al reflusso gastroesofageo.

    Bisogna evitare o limitare alcuni alimenti che per loro natura rallentano lo svuotamento gastrico ed espongono la mucosa all’azione dell’acido; tra questi, soprattutto, alimenti proteici e grassi.
    Ci sono poi alcuni alimenti definiti “trigger” che favoriscono il reflusso gastroesofageo come caffè, menta, cioccolato, vino, pomodori etc.

    I rimedi naturali sono sempre da preferire in una fase iniziale, qualora riescano a controllare i sintomi; in caso contrario sarà necessario passare ai farmaci. Tra i rimedi naturali ricordo soprattutto il finocchio per il suo PH basico e per la capacità di favorire lo svuotamento gastrico; un’azione simile ha anche lo zenzero, che attualmente è presente in molti preparati per i sintomi dispeptici.

    La malva, inoltre, riveste un importante ruolo per il suo effetto citoprotettivo.

    Allo zenzero vengono riconosciute proprietà digestive per la sua attività pro-cinetica e antinausea e per la sua attività antiacida. Può, quindi, essere d’aiuto nella remissione dei sintomi di una blanda irritazione della mucosa gastrica.
    In ogni caso è bene chiedere consiglio al proprio curante o allo specialista di fiducia.

    A RISPONDERE ALLE DOMANDE:
    Dr. Mario Verta,
    Medico Chirurgo Gastroenterologo

    480

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Pazienti.it: l'esperto rispondeStomaco
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI