NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

I ricordi? Una questione di naso

I ricordi? Una questione di naso

Gli odori delle cose e delle persone aiutano a riportare alla memoria delle sensazioni vissute che sono memorizzate grazie alle loro caratteristiche organolettiche

da in News Salute, Ormoni, Psicologia, Olfatto
Ultimo aggiornamento:

    Profumo

    Quando si gira per casa e si sente un odore famigliare vengono subito in mente ricordi dei piu’ vari, come ad esempio le abitudini dei genitori o dei nonni quando si era bambini, un piatto che non si mangiava piu’ da tanto tempo, un po’ come succede nel film “Ratatuille” dove il critico di cucina improvvisamente ritorna bambino per un gusto che gli apre la strada del ricordo dell’amore materno.

    L’olfatto serve sempre per tornare indietro nei ricordi, ma porta indietro anche la memoria emotiva; di questo si e’ parlato nel corso del “Simposio internazionale sull’olfatto e il gusto di San Francisco” nel suo intervento, tradotto da Pensiero Scientifico Editore a parlare e’ il dottor Jay Gottfried della Northwestern University, il quale ha spiegato il potere dell’odorato.

    L’odore e’ una delle percezioni della realta’ che abbiamo, viene catalogato dal nostro odorato che immediatamente riesce a riconoscerne le caratteristiche e le essenze: cibi, materiali, esseri animati, tutti gli odori sono specifici e hanno delle caratteristiche inconfondibili.

    Il sistema de”odorato riesce a trasmettere anche i messaggi ormonali, che sono parte delle caratteristiche organolettiche di un essere animato, e sono indispensabili per la riproduzione.

    L’odore viene riconosciuto e trasmesso all’amigdala, che lo legge e crea delle emozioni, le quali si riproducono poi, una volta memorizzate, allo stimolo dato dallo stesso odore.

    Ecco qua la risposta per cui non ci possono essere emozioni e sentimenti se non si riconosce l’odore dell’altra persona: lo stesso odore significa lo stesso stimolo emotivo e con grande probabilita’ una predisposizione allo stesso atteggiamento.

    L’uomo possiede tra i 10 ed i 20 milioni di recettori, che riescono a catturare i messaggi olfattivi: per cui spesso, anche come terapia, si consiglia l’aromaterapia, l’annuso dei cibi e delle piante, specie nei casi in cui i disturbi siano psicosomatici e derivanti da poca serenita’ interiore.

    Annusare la realta’ intorno aiuta a aumentare l’autostima e a costruire uno schema interiore della realta’ che si sta vivendo, dandogli maggiore stabilita’.

    410

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News SaluteOrmoniPsicologiaOlfatto
    PIÙ POPOLARI