I numeri del diabete e la soluzione innovativa a marchio Abbott

I numeri del diabete e la soluzione innovativa a marchio Abbott
da in Diabete
Ultimo aggiornamento:

    freestyle liber system

    Chi soffre di diabete sa bene quanto sia importante associare a un’adeguata terapia una gestione autonoma del disturbo, tenendo sotto costante controllo i livelli glicemici. Purtroppo i glucometri tradizionali, che prevedono la puntura del dito, sono piuttosto scomodi ed è qui che entra in gioco il Sistema FreeStyle Libre (www.freestylelibre.it), il sistema di monitoraggio FLASH del glucosio, altamente innovativo e pratico. Questo dispositivo, che consente il monitoraggio del glucosio senza le consuete lancette e pungidito, è stato ideato dall’azienda Abbott, diffusa in oltre 150 paesi, specializzata nell’offerta di soluzioni mediche all’avanguardia destinate a persone di tutte le età. Un brand sinonimo di fiducia, che ha deciso di fare informazione sul tema diabete grazie a una collaborazione con Tanta Salute. Ma scopriamo di più su questa patologia e sul nuovo metodo per gestirla che migliora notevolmente la qualità della vita.

    Il diabete è una malattia cronica molto diffusa, di cui si distinguono due forme principali: il diabete di tipo 1, o insulino-dipendente, e il diabete di tipo 2, non insulino dipendente. La prima tipologia è largamente diffusa nei giovanissimi e insorge spesso in maniera improvvisa, dando luogo a sintomi tipici come dimagrimento repentino, aumento delle urine, sete, disidratazione. In questo caso le cellule beta del pancreas vengono distrutte da una reazione immunologica, che richiede una cura a base di somministrazioni quotidiane di insulina. La seconda tipologia, più frequente in età adulta, si manifesta progressivamente ed è dovuta a una ridotta produzione di insulina da parte del pancreas o da un malfunzionamento di questo ormone, adibito com’è noto alla trasformazione degli zuccheri e di altri componenti alimentari in fonte energetica. In altri casi può essere l’organismo stesso a non utilizzare correttamente l’insulina. Entrambe le tipologie di diabete richiedono un intervento tempestivo, e un monitoraggio quotidiano, onde evitare gravi conseguenze a carico dell’organismo.

    Solo in Italia il diabete colpisce 3 milioni di persone, ovvero il 4,9% della popolazione, e si ritiene che ben 1 milione di soggetti ne siano vittime inconsapevoli. Purtroppo i dati parlano chiaro: 2,6 milioni di malati non riescono a mantenere i livelli glicemici nella norma e a questo concorrono anche i sistemi di monitoraggio attualmente più diffusi, come il misuratore di glucosio e la puntura sul dito. Visto che vanno impiegati più volte al giorno, i diabetici si sentono stressati dal loro utilizzo poiché impossibilitati a condurre una vita normale. Infatti nelle persone affette da diabete il controllo glicemico, effettuato di solito più volte al giorno, può aumentare lo stress e può rendere più difficile condurre una vita normale. Basti pensare che, secondo un recente studio, il 40% degli italiani considera la gestione quotidiana della malattia molto limitante. Tant’è vero che il 71% degli intervistati affetti da diabete ha ammesso di monitorarsi al massimo 3 volte al giorno. Ma un monitoraggio incostante raddoppia il rischio di ospedalizzazione: sempre la stessa ricerca ha rilevato infatti che le persone con diabete hanno avuto in media 10 crisi ipoglicemiche e 14 crisi iperglicemiche nell’ultimo anno. Tutto questo ha un impatto notevole anche dal punto di vista economico perché comporta un consumo maggiore di risorse sanitarie: il costo medio per paziente con diabete è di circa 2.600-3.100 euro l’anno e i costi diretti dipendono prevalentemente dai ricoveri ospedalieri per un totale di 9 miliardi di euro l’anno, ovvero il 10% della spesa sanitaria nazionale.

    Per tutte queste ragioni, in molti si augurano per il futuro la possibilità di ricorrere a strumenti più comodi e meno invasivi. Per fortuna, in tempi recenti, l’azienda Abbott, impegnata da sempre nell’introduzione di soluzioni innovative nel settore salute, con l’obiettivo di contribuire al progresso della scienza medica, ha introdotto sistemi di monitoraggio pratici e intuitivi, in grado di rilevare il quadro glicemico in maniera automatica, a tutto vantaggio del benessere psicofisico del paziente e, più in generale, del sistema sanitario. E’ il caso del Sistema FreeStyle Libre (www.freestylelibre.it), il sistema indicato dai 4 anni in su, che si compone di un piccolo sensore e un lettore per misurare i valori glicemici in modo rapido e semplice, evitando al paziente le consuete punture del dito e il conseguente fastidio del classico monitoraggio, che potrebbe risultare doloroso e imbarazzante. Difatti i diabetici che hanno testato il nuovo sistema di monitoraggio FLASH del glucosio formulato da Abbott hanno testimoniato un significativo aumento della qualità della vita e una notevole diminuzione dei livelli di stress.

    Contenuto di informazione pubblicitaria

    974

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Diabete
    PIÙ POPOLARI