I disturbi che ti fanno capire che sta cambiando il tempo

Differenti sono i disturbi che fanno capire che sta cambiando il tempo

da , il

    I disturbi che ti fanno capire che sta cambiando il tempo

    Diversi sono i disturbi che sarebbero in relazione con i cambiamenti del tempo. Certi piccoli dolorini, più o meno gravi, potrebbero essere considerati la spia delle bizze del meteo. Non sempre la scienza è riuscita a spiegare una correlazione diretta. Resta, comunque, il fatto che spesso diversi di noi si affidano al proprio corpo per carpire i segnali del fatto che il tempo stia cambiando, se non altro per capire come ci si debba vestire il giorno dopo al lavoro o se sia il caso di portarsi dietro l’ombrello. Vediamo quali segnali corporei tenere in considerazione.

    Artrosi al ginocchio

    Artrosi al ginocchio

    Alla base dell’artrosi al ginocchio ci sono delle malformazioni o delle posizioni non adeguate a livello articolare. Si pensa, così almeno afferma la teoria più comune, che sia tutta una questione di pressione barometrica. Quando sta per arrivare il maltempo, la pressione dell’aria scende e potrebbe influire sulla pressione sanguigna, esercitando una forza particolare sulle articolazioni. Il nostro corpo reagisce come una sorta di palloncino che deve gestire la spinta dell’aria interna da un lato e di quella esterna dall’altro.

    Mal di denti

    Mal di denti

    Le cause del mal di denti sono da rintracciare nelle infezioni o nelle infiammazioni delle gengive. Non mancano i casi in cui il dolore ai denti è idiopatico, non riuscendo a riconoscere una causa facilmente identificabile. Che si tratti di maltempo in arrivo? Gli esperti raccontano che nei giorni di maltempo i medici ricevano il triplo delle chiamate.

    Mal di testa

    Mal di testa

    Anche il mal di testa può essere considerato uno di quei dolori di cui soffre chi è predisposto a sentire i segni della tempesta che si avvicina. Anche in questo caso subentra un legame fra tradizione popolare e scienza, che non è stato del tutto chiarito. Anche in questa situazione potrebbe c’entrare la pressione barometrica.

    Reumatismi

    Reumatismi

    Secondo l’antica medicina cinese, i reumatismi si potrebbero configurare come la “malattia del vento umido”. Potrebbe esserci un fondo di verità, anche se si tratta di un collegamento molto soggettivo. Ciò che si è riuscito ad appurare è che i pazienti che soffrono di fibromialgia sembrano essere più sensibili ai cambiamenti del tempo. Le ragioni, però, non sono ancora chiare. Probabilmente il tutto sarebbe da rapportare ai cambiamenti di temperatura e di umidità. Degli studi hanno messo in evidenza che a peggiorare i sintomi dell’artrite reumatoide non sono tanto il freddo e l’umidità, quanto gli sbalzi di pressione atmosferica. Ecco perché si dovrebbe fare attenzione anche a non passare repentinamente da un clima secco ad uno umido, per non favorire l’infiammazione delle articolazioni.

    Problemi cardiovascolari

    Problemi cardiovascolari

    Il clima avrebbe un’incidenza notevole sulla salute. A questo proposito si è espressa anche una ricerca della società europea di cardiologia, che ha coinvolto 16.000 pazienti. Si è giunti alla conclusione che il freddo aumenterebbe il rischio di incorrere in un infarto. In particolare si è visto che le probabilità salgono del 7% in corrispondenza di ogni 17 gradi Fahrenheit. Influirebbero nello specifico l’esposizione al vento e gli sbalzi di pressione atmosferica, che manderebbero in tilt l’ipotalamo, deputato al controllo della temperatura corporea.