I denti e il doping

Ridurre l'energia sprecata e migliorare la macchina del corpo garantisce risultati migliori

da , il

    Dente

    La notizia e’ stata diffusa nelle scorse settimane dalle agenzie di stampa, si tratta di doping nello sport: pubblicata dal “Corriere del Mezzogiorno” il 14 Aprile scorso parla del dott. Domenico Monda, che ha dato il via a una iniziativa che, pur non essendo illegale, puo’ far discutere, di tratta del doping non farmacologico, come lo ha definito lui stesso.

    Medico dentista professionista ha cominciato a praticare interventi odontoiatrici che, secondo i risultati ottenuti, sarebbero adatti al potenziamento delle performance di atleti e sportivi, tutto senza uso di farmaci o addizionanti alimentari.

    Cambiando l’occlusione dentale degli atleti a seconda delle necessita’ si otterranno dei risultati: migliorera’ la prestazione e aumentera’ la potenza dello sportivo; lo studio e’ stato condotto con una Equipe di Universitari, che hanno ottenuto risultati anche del 20/40% in piu’ di potenza fisica, semplicemente intervenendo sulla occlusione dentale.

    Il migliore rendimento dipenderebbe da un insieme di fattori, tra cui il consumo di ossigeno e il consumo inferiore di acido lattico; l’intervento del dentista serve a ottimizzare l’ingranagio dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM), che è posizionata bilateralmente e medialmente al meato acustico esterno. Questa, a sua volta, articola l’osso mandibolare con l’osso temporale; e connette il condilo mandibolare con la fossa glenoidea del temporale interponendo fra loro un menisco.

    Quando una parte di questo meccanismo soffre ne risentono le articolazioni della colonna, che si posizionano in modo da non causare dolore all’articolazione mandibolare e obbligano le parti periferiche (braccia – gambe) e il bacino a muoversi con liberta’ ridotta, da qui una limitazione della postura e un maggiore stress a carico dei muscoli.

    Ridurre l’energia sprecata e migliorare la macchina del corpo garantisce risultati migliori. Per questo il medico odontoiatra ha studiato un tipo di intervento che rimedia alle inefficienze delle dentature degli atleti e che funziona come un doping.