I colpi di calore possono essere sconfitti da un nuovo farmaco

I colpi di calore possono essere sconfitti da un nuovo farmaco

Un differente impiego di un farmaco usato per la tonificazione muscolare consentirebbe di prevenire le conseguenze a volte anche fatali in cui si può incorrere a causa dei colpi di calore

da in Benessere, Farmaci, Malattie, Muscoli, Ricerca scientifica
Ultimo aggiornamento:

    colpi di calore farmaco

    Contro i colpi di calore presto potrebbe essere disponibile un nuovo farmaco. In realtà si tratta del diverso impiego di un nuovo medicinale per la tonificazione muscolare che è stato messo a punto quattro anni fa. Questo medicinale è ancora attualmente in una fase di studio per ovviare ad malattie di natura muscolare e per alcuni disturbi che hanno origine metabolica. I ricercatori, proprio in questo processo di indagine sul farmaco in questione, hanno scoperto che esso può svolgere anche un’azione di protezione contro l’ipertermia maligna.

    Quest’ultima costituisce un problema che può essere anche fatale a causa di un’alterazione genetica, conosciuta come RYR1. La mutazione genetica può determinare una perdita di calcio che interessa le cellule muscolari, nel momento in cui ci si trova ad essere esposti ad un aumento notevole delle temperature.

    La conseguenza è che nel nostro organismo si innesca un processo che porta alla contrazione dei muscoli, fino a provocare l’insufficienza cardiaca o renale.

    Studiando il farmaco in laboratorio, gli studiosi si sono accorti che esso riesce a prevenire le conseguenze fatali dovute all’innalzamento della temperatura, se viene somministrato anche 10 minuti prima che si verifichi l’alterazione delle temperature stesse.

    La novità interessante consiste anche nel fatto che il farmaco sarebbe in grado di agire anche come prevenzione negli individui che non sono affetti dalla mutazione genetica, riducendo di molto i sintomi e le conseguenze dovuti al colpo di calore. Potrebbe essere quindi un sistema per difendersi dal colpo di calore stesso.

    304

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereFarmaciMalattieMuscoliRicerca scientifica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI