I bambini devono essere seguiti dal pediatra di certo sino ai 6 anni

I bambini devono essere seguiti dal pediatra di certo sino ai 6 anni

Una delle domande un genitore si può porre è: sino a quale età posso portare mio figlio dal pediatra?

da in Adolescenti, Bambini, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Il pediatra, deve e può seguire i bambini sicuramente sino ai 6 anni, dopo questa età, i genitori possono scegliere. Infatti, dai 6 ai 14 anni, si è liberi di passare al proprio medico di famiglia; mentre dopo i 14, tranne che in casi particolari (come gravi patologie), gli adolescenti devono essere seguiti completamente dal medico di base. Questo passaggio rappresenta una regola formale che è tuttora scritta in convenzione.

    È facile capire che il momento del cambio, dal pediatra (che il bambino conosce da quando è nato) al medico di medicina generale (per lui uno sconosciuto), è abbastanza delicato. L’unica cosa obbligatoria è questo passaggio, dai 14 anni; tutto il resto, compresa la scheda clinica che sino a quel momento era tenuta dal pediatra, può anche non essere presa in considerazione dal nuovo dottore.

    Una cosa è certa che i cambiamenti e ciò che c’è da seguire sono decisioni proprie dei singoli medici e dei genitori. Una cosa è certa, per quanto riguarda le scelte delle famiglie, che secondo ultimi dati statistici, se anni fa la percentuale di bambini, dai 7 ai 14 anni, che rimaneva dal pediatra era del 40%, oggi è salita all’80%.

    Questi dati sono stati sottolineati anche dal Professore Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, che spiega il motivo di queste percentuali: un aumento costante della fiducia che i genitori ripongono nei pediatri. Questi ultimi, esperti del mondo del bambino e dell’adolescente in generale, possono aiutare in modo concreto e semplice, in quanto specializzati proprio in quello. Ecco perché quando i bambini o gli adolescenti vengono ricoverati in strutture ospedaliere per adulti non ricevono le adeguate attenzioni che invece riceverebbero in ospedali pediatrici.

    325

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBambiniNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI