by

I 10 alimenti più ricchi di proteine

Venerdì 19/10/2012 da Gianluca Rini in Alimentazione, Mangiar Sano, Proteine
    fonti di proteine soiaLe proteine sono fondamentali per il corpo, in quanto possono essere considerate il “carburante” che da energia al nostro organismo e viene bruciato dai nostri muscoli per funzionare. Dobbiamo ricordarci che in media per una donna la quantità di proteine da assumere in una giornata è pari a 44 grammi, per un uomo a 56 grammi. Con queste quantità ideali il nostro organismo può funzionare in maniera adeguata. In ogni caso specialmente chi pratica un lavoro o uno sport impegnativi, come il sollevamento pesi, avrebbe bisogno di assumere più proteine, che in genere provengono dai cibi che fanno parte della nostra dieta. Ma quali sono gli alimenti principali fonti di proteine? Vediamone 10 in particolare.
    1. Uova: una fonte completa uova proteine Le uova possono essere considerate una fonte completa di proteine, in quanto in esse si trovano anche aminoacidi essenziali e vitamina E, fondamentali per un’alimentazione sana. Da ricordare che un uovo intero contiene circa 6 – 7 grammi di proteine.
    2. Prodotti caseari: proteine per i vegetariani formaggio I vegetariani possono trarre le proteine di cui hanno bisogno dai prodotti caseari, dal latte e dai derivati. Ricordiamoci che in un litro di latte sono contenuti 30 grammi di proteine, in 100 grammi di parmigiano ce ne sono 41,6 grammi, in 100 grammi di formaggio svizzero, formaggio romano e mozzarella 28 – 30 grammi.
    3. Carni bovine: un pieno di proteine dai tagli magri carne bovina proteine Altra fonte importante di proteine è costituita dalle carni bovine. Sono da preferire soprattutto i tagli magri, per un maggior apporto proteico. In genere con 100 grammi di carne si ricavano 36 grammi di proteine.
    4. Carne di pollo: proteine con meno grassi carne di pollo La carne di pollo è anch’essa una principale fonte di proteine. Queste ultime derivate dal pollo o dal tacchino vengono considerate anche migliori rispetto a quelle che l’organismo ricava dalle carni bovine, in quanto la carne di pollo è meno ricca di grassi. Un petto di pollo potrebbe soddisfare metà del nostro fabbisogno giornaliero di proteine.
    5. Carne di maiale: attenzione alla pancetta carne di maiale Anche per la carne di maiale varrebbe la regola di preferire i tagli magri. E’ meglio evitare di consumare la pancetta, visto che contiene più grassi che proteine.
    6. Pesce: proteine e acidi grassi Pesce fresco Il pesce è una fonte eccellente di proteine e può essere considerato un alimento base per una dieta corretta, in quanto contiene anche elevate quantità di acidi grassi, fondamentali per il nostro benessere generale. La varietà di tonno “pinne gialle” è la fonte più ricca di proteine: 30 grammi ogni 100 grammi. Il salmone (100 grammi) fornisce 27 grammi di proteine, una scatoletta di tonno 40 grammi, lo sgombro (100 grammi) 23 grammi.
    7. Uova di pesce: proteine ad alto costo uova di pesce Il caviale e le uova di pesce in generale costituiscono un’abbondante fonte proteica: 28,6 grammi di proteine ogni 100 grammi. Si tratta comunque di cibi piuttosto costosi.
    8. Frutta secca, lenticchie e fagioli: proteine a basso costo frutta_secca La frutta secca, le lenticchie e i fagioli rappresentano una non indifferente fonte di proteine. Fra la frutta secca, le arachidi ne abbonano (23,7 grammi di proteine ogni 100 grammi). I fagioli contengono una maggiore quantità di proteine quando sono maturi. I legumi rappresentano una fonte proteica a basso costo. Da tenere in considerazione sono anche i germogli di soia (28 grammi per tazza). In 100 grammi di tofu sono contenuti 15,78 grammi di proteine, molto importanti soprattutto per gli anziani.
    9. Zucca, semi di zucca e semi di anguria ZUCCA proteine La zucca è ricca di proteine, come lo sono anche i semi di zucca (33 grammi ogni 100 grammi) e i semi di anguria, che sono utilizzati nell’alimentazione soprattutto in medio oriente e nell’Asia orientale.
    10. Siero di latte: proteine naturali di qualità siero di latte Il siero estratto dal latte non è da trascurare come fonte proteica. Le proteine in esso contenute sono di qualità, in quanto il siero è costituito da due componenti proteiche: proteine e peptidi. Il siero, ricco anche di aminoacidi, contiene da 20 a 25 grammi di proteine per ogni misurino. Si tratta di proteine naturali, grazie alle quali si può anche evitare il ricorso agli integratori alimentari di proteine, che presentano benefici, ma anche svantaggi.
    Bilanciare le proteine per non invecchiare

    Mettersi a dieta ferrea non serve per non invecchiare. E’ molto meglio bilanciare le proteine. E’ quanto afferma una ricerca pubblicata su Nature e condotta dal Wellcome Trust in collaborazione con la University College di Londra. Pare che proprio nelle proteine risiedono i segreti di una corretta alimentazione anti-invecchiamento ma non solo. Anche per le donne incinta. Vediamo insieme quali sono i consigli da seguire per alimentarsi nel modo giusto.

    Se state pensando di mettere al mondo un figlio non dovete sottrarre aminoacidi essenziali. Sono dei veri e propri mattoni proteici che assolvono diverse funzioni nell’organismo. Quando arrivano pochi nutrienti all’organismo, infatti, il corpo decide di usarli per la sopravvivenza e toglie i rifornimenti ad altre attività del corpo come la riproduzione.

    Il pericolo si scongiura recuperando i giusti livelli di proteine come la L-metionina, contenuta nella frutta a guscio, nei semi di sesamo, nelle noci, nel germe di grano, nella carne e nel pesce, che tra le tante virtù aiuta il fegato nel metabolismo dei grassi e rinforza i capelli.