Gravidanze, in Italia, sempre più tardive

Gravidanze, in Italia, sempre più tardive

In Italia, le gravidanze sono sempre più tardive, parola degli esperti riunitisi in occasione del congresso mondiale di endocrinologia ginecologica di Firenze

da in Gravidanza, Invecchiamento, News Salute, Salute Donna
Ultimo aggiornamento:

    Gravidanze sempre più tardive

    Italiane, popolo di “mamme tardive”? Sembrerebbe proprio di sì, almeno stando agli ultimi dati forniti dagli esperti. Le donne italiane tendono a posticipare, sempre più spesso, la gravidanza e a proteggersi utilizzando i metodi contraccettivi ormonali, nell’attesa di mettere al mondo un figlio. Il ritratto delle nuove mamme italiane è emerso in occasione del recente congresso mondiale di endocrinologia ginecologica di Firenze.

    L’età delle mamme italiane segue un trend al rialzo, così come l’utilizzo da parte delle donne del Bel Paese della contraccezione ormonale. Gravidanze sempre più tardive, che espongono le donne ad alcuni rischi, forse, non sempre, “calcolati”.

    “Tutto questo è oggi uno degli elementi alla base dell’aumento di endometriosi, patologia che è figlia di gravidanze tardive. Le donne italiane evitano gravidanze oggi, ma si proteggono per avere bambini in tarda età” ha osservato una vera esperta in materia, la professoressa Alessandra Graziottin, direttore del centro di ginecologia dell’ospedale San Raffaele Resnati di Milano.

    Il quadro che emerge dal congresso fiorentino è piuttosto chiaro e poco rassicurante: la fecondità, in Italia, attualmente si attesta a 1,4. “Un numero insufficiente a mantenere gli italiani.

    Oggi facciamo figli a 31 anni, ovvero quasi 16 anni dopo rispetto a quello che avveniva 100 anni fa.
 L’Italia, insieme all’Irlanda, è il Paese europeo con le cicogne più tardive e quello con più alta percentuale di ultraquarantenni a primo figli. Oggi dobbiamo fare i conti con numeri che sono cambiati molto rispetto a un secolo fa; abbiamo una speranza di vita oltre 84 anni e abbiamo abbassato a 3,3 ogni mille, rispetto a 160, la quota dei bambini che muoiono ne primi giorni di vita” ha aggiunto la Graziottin.

    336

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GravidanzaInvecchiamentoNews SaluteSalute Donna
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI