Gravidanza: problemi causati dalle noccioline

Gravidanza: problemi causati dalle noccioline

Secondo recenti studi statunitensi durante la gravidanza, le future mamme dovrebbero assumere con cautela le noccioline, per evitare che i bambini presentino allergie a tale frutta

da in Alimentazione, Allergie alimentari, Gravidanza, Mangiar Sano, Primo Piano, Ricerca Medica, eczema
Ultimo aggiornamento:

    gravidanza noccioline

    Durante la gravidanza occorre evitare l’assunzione di vari cibi, tra questi le noccioline possono causare dei problemi. Un gruppo di ricercatori del Mount Sinai Hospital (New York), ha condotto uno studio sul legame esistente tra le noccioline e la gravidanza. La ricerca, pubblicata sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, e condotta dal dottor Scott Sicherer, ha evidenziato che l’assunzione di arachidi durante la gravidanza aumenta il rischio di allergie nei bambini. Lo studio è stato eseguito in America, dove l’uso del burro di arachidi è molto frequente, ecco perché i risultati pervenuti non sono attendibili al 100% per il luogo e per le interviste fatte.

    Lo studio è stato condotto su 503 bambini, con un’età compresa tra i tre e i quindici mesi, con potenziali allergie alle uova, al latte o con problemi di eczema (che sono le patologie più legate all’allergia alle arachidi). All’inizio dei test clinici, i bambini non presentavano nessun segnale allergico nei confronti delle arachidi, quando sono stati eseguiti gli esami si è visto, comunque, che ben 140 bambini presentavano una certa sensibilità alle noccioline.

    Secondo i dati e le caratteristiche personali di questi bambini le mamme durante la gravidanza assumevano questa frutta secca.

    Secondo il dottor Sicherer, l’allergia alle arachidi è sempre preceduta da altri tipi di allergie e da cosa la madre ha assunto durante la gravidanza. E’ una ricerca molto importante, in quanto questo tipo di disturbo è caratterizzato da una certa gravità ed importanza, in alcuni casi anche fatale, purtroppo. In ogni caso non c’è bisogno di allarmarsi, in quanto gli studi devono continuare per migliorare i risultati, in ogni caso è sempre meglio avere una certa prudenza.

    337

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneAllergie alimentariGravidanzaMangiar SanoPrimo PianoRicerca Medicaeczema
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI